Transizione ecologica, la Norvegia aumenta produzione eolico offshore

La Norvegia ha reso noto di avere in programma una grande espansione dell’energia eolica offshore entro il 2040. Lo riporta l’agenzia Reuters, ricordando che il governo di centro-sinistra, finito nel mirino degli ambientalisti a causa del continuo sostegno fornito all’industria di gas e petrolio, ha fissato un obiettivo per lo sviluppo di 30 gigawatt (Gw) di capacità eolica offshore entro il 2040.

La Norvegia ritiene che sviluppare l’eolico offshore le permetterà di continuare a costruire il know-how per l’industria energetica già esistente. Diverse di aziende di servizi pubblici, di petrolio e di gas e altre aziende che si occupano di ingegneria si sono proposte per sviluppare progetti di energia offshore in Norvegia, tra cui Equinor, Shell, BP , Orsted ed Eni.

Ad oggi, la Norvegia ha aperto due aree del Mare del Nord per lo sviluppo di fino a 4,5 Gw di impianti eolici offshore fissi e galleggianti, con una prima gara per assicurarsi 1,5 Gw prevista nei prossimi mesi.

 

 

Previous articleEnel X Way e Q8, accordo per accelerare la diffusione della mobilità elettrica
Next articleNasce in Portogallo l’impianto fotovoltaico galleggiante più grande d’Europa