Enel X Way e Q8, accordo per accelerare la diffusione della mobilità elettrica

Q8 Enel X Way, la nuova Global business line di Enel interamente dedicata alla mobilità elettrica, hanno siglato un accordo di interoperabilità che consentirà ai clienti del player energetico italiano di accedere alla rete di ricarica per veicoli elettrici del partner utilizzando l’app Cartissima Q8. Quella di Enel X Way è la più ampia rete di ricarica pubblica del Paese con 15mila punti diffusi su tutta la Penisola. I clienti potranno scegliere tutte le tipologie di punti di ricarica partendo dalle Quick da 22 kW+22 fino a quelle ad alta potenza grazie alle quali è possibile fare il pieno di energia al veicolo in meno di 20 minuti.

“L’obiettivo di Enel X Way è dare un forte impulso al processo di transizione dalla mobilità tradizionale a quella elettrica puntando sullo sviluppo di soluzioni di ricarica sempre più avanzate e sull’offerta di servizi per i trasporti sostenibili realizzati in base alle esigenze dei clienti.” – ha dichiarato Elisabetta Ripa, CEO di Enel X Way – “La crescita della mobilità elettrica si poggia anche sugli accordi tra le più importanti realtà del settore, ed è per questo che abbiamo rafforzato la partnership con Q8. Da oggi, grazie all’accordo di interoperabilità, i clienti Q8 potranno utilizzare le nostre stazioni su tutto il territorio e vivere un’esperienza di ricarica comoda e rapida”

Sono molto orgoglioso di ampliare ulteriormente la nostra partnership con Enel X Way, un operatore che riteniamo cruciale per l’infrastruttura di ricarica elettrica del Paese” ha dichiarato Fadel Al Faraj AD di Q8 “Come Q8 siamo impegnati a partecipare a una transizione verso una mobilità sempre più sostenibile e smart, come in questo caso grazie alla nostra app Cartissima. Sostenibilità ed innovazione tecnologica al servizio dei clienti: sono questi i nostri fattori strategici che ci forniranno ulteriore supporto per competere sul mercato nel lungo periodo”.

 

Previous articleTerna, CFO: “Pronti a supporto realizzazione infrastruttura accumulo energia”
Next articleTransizione ecologica, la Norvegia aumenta produzione eolico offshore