Torri faro ad alta efficienza e basse emissioni con le batterie al litio di Archimede Energia

Realizzare delle torri faro ad alta efficienza con basse emissioni è oggi possibile sfruttando le moderne tecnologie come le lampade LED e le batterie litio. Un esempio da seguire arriva da TecnoGen Spa, società specializzata nella produzione di gruppi elettrogeni e torri faro del gruppo Bruno Srl.

Tecnogen, per le sue torri faro innovative, ha scelto gli accumulatori AEnerbox PJE-044-111-RK0 da 44V 111Ah LiNMC di Archimede Energia, società specializzata nella produzione di batterie al litio.

La torre faro HB9404PK-VS, equipaggiata con un sistema di alimentazione ibrido composto da una batteria litio ad alta efficienza e un generatore diesel di backup, permette durante il funzionamento a batteria una riduzione delle emissioni (CO2), un basso inquinamento acustico e un notevole risparmio del consumo di carburante.  Il risultato è una soluzione ideale – afferma l’azienda – per eventi in aree con limitazioni di rumorosità ed emissioni di anidride carbonica.

Il generatore di backup può ricaricare la batteria durante l’utilizzo delle lampade LED portando  le ore di autonomia, senza bisogno di rifornimento, a 10 ore e 30 minuti. Sfruttando la possibilità di variare il numero di giri del motore il processo di carica è ottimizzato per le batterie a ioni di litio. La carica completa viene raggiunta in circa 2 ore.

L’alternatore in DC, a differenza di una installazione classica con alternatore in AC, garantisce una efficienza più elevata poiché il sistema funziona tutto in corrente continua.

La modalità solo batteria ne permette l’utilizzo in ambienti chiusi; le dimensioni contenute e il peso ridotto ne fanno una struttura eccezionalmente versatile per ogni tipo di situazione.

Inoltre il sistema riduce i tempi/costi di manutenzione portando le ore di manutenzioni standard da 500 a 2600 ore.

Previous articleKyoto Club, riflessioni su iniziative e strategie per l’emergenza climatica
Next articleEner2Crowd crea la prima comunità locale «carbon free» d’Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here