Terna, investimento di 1,2 mld per nuova linea di collegamento Italia-Svizzera

Nell’ambito del Piano di Sviluppo 2021 Terna ha programmato una nuova linea di collegamento tra l’Italia e la Svizzera da 1000 mw di potenza, la cui realizzazione è legata al progetto di razionalizzazione della rete in alta tensione di Valtellina e Valchiavenna (in provincia di Sondrio) che porterà alla demolizione di quasi 500 km di elettrodotti esistenti e all’interramento di linee aeree.

Per questo importante intervento – riporta un comunicato del gestore della rete elettrica nazionale – Terna ha pianificato un investimento di oltre 1,2 miliardi di euro.

Nel Piano di Sviluppo 2021, oltre alla nuova linea di collegamento tra l’Italia e la Svizzera, il gruppo guidato da Stefano Donnarumma investirà circa 750 milioni di euro per la realizzazione di un nuovo cavo sottomarino con la Grecia da 500 MW di potenza e 200 km di lunghezza. Il progetto raddoppierà l’attuale capacità di scambio tra i due Paesi e favorirà una maggiore integrazione delle fonti rinnovabili.

Confermato nel Piano di Sviluppo 2021 anche il progetto Sa.Co.I.3, vale a dire il rifacimento del collegamento tra Sardegna-Corsica-Italia.

Queste interconnessioni – conclude il comunicato – insieme agli elettrodotti tra Italia-Francia, Italia-Tunisia e Italia-Austria, consentiranno al nostro Paese, in virtù della sua posizione geografica strategica, di rafforzare il ruolo di hub elettrico dell’Europa e dell’area mediterranea, diventando protagonista a livello internazionale.

 

Previous articleARERA: nel 2020 consumi di energia elettrica a 284 TWh, stabili le rinnovabili
Next articleEnel X e Renault Trucks, accordo per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia