Terna e Aeroporti di Roma, accordo per gestire la transizione energetica di Fiumicino

Asse fra Terna e Aeroporti di Roma per gestire la transizione energetica del polo aeroportuale romano. Al centro dell’accordo la condivisione di competenze e know-how nei campi della mobilità elettrica, dei sistemi di gestione dell’energia, dell’efficienza energetica e della manutenzione di impianti elettrici. Dal confronto potranno nascere intese operative per accelerare la trasformazione degli scali di Fiumicino e Ciampino in smart hub energetici, grazie alle esperienze proposte da Terna e all’ottimizzazione dei processi aeroportuali messa in atto da ADR.

Una partnership per condividere conoscenze, esperienze e best practice al fine di favorire la transizione degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino a smart hub energetici, grazie all’adozione di tecnologie e processi all’avanguardia dal punto di vista dell’innovazione e della sostenibilità: è questo il focus del Memorandum of Understanding fra Terna, gestore della rete elettrica nazionale in alta tensione con circa 75.000 km di linee, e Aeroporti di Roma, la società che gestisce entrambi gli hub della Capitale.

L’accordo, firmato dall’Amministratore Delegato di Terna, Stefano Donnarumma, e dall’Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma, Marco Troncone (nella foto), segna un passo importante verso la transizione energetica del primo polo aeroportuale italiano.

“In linea con il nostro ruolo di registi della transizione energetica, con questo accordo mettiamo a disposizione del principale sistema aeroportuale italiano l’esperienza e il know how di Terna attraverso soluzioni e tecnologie altamente innovative e sostenibili in campo energetico”, ha commentato l’Amministratore Delegato di Terna Donnarumma. “L’innovazione è uno dei pilastri del nostro Piano Industriale 2021-2025, a cui abbiamo dedicato 1,2 miliardi di euro di investimenti. Siamo convinti che, grazie allo sviluppo di soluzioni innovative e intelligenti e alla loro applicazione a modelli di business sostenibili, saremo in grado di abilitare sempre più concretamente e rapidamente la transizione”.

L’intesa firmata oggi segue numerose altre già poste in essere con grandi leader industriali nazionali per contribuire al processo di transizione ambientale e digitale del sistema aeroportuale della Capitale: è quindi un ulteriore passo che dimostra l’impegno per accelerare l’utilizzo delle nuove tecnologie e consentire una crescita intelligente e sostenibile dei nostri aeroporti ma anche per fare dell’innovazione e della tecnologia strumenti di sviluppo economico e sociale per il Paese”, ha dichiarato l’Amministratore Delegato di ADR, Troncone. “Siamo convinti che, catalizzando il contributo delle migliori eccellenze italiane in una logica di sistema, si potrà sostenere al meglio l’evoluzione ed il progresso di un settore strategico per il Paese, nel contesto degli SDGs e dell’Agenda 2030”.

 

Previous articleSicilia: nel semestre il FV cresce del 599% rispetto a 2021
Next articleEnel X Way amplia la rete delle infrastrutture di ricarica