Svolt realizza le prime batterie allo stato solido

La cinese Svolt Energy ha annunciato interessanti novità nello sviluppo di batterie a stato solido. Come riporta il portale locale Cnevpost, la società ha infatti realizzato le prime celle prototipo a stato solido di solfuro.

Queste hanno una densità di energia di 350-400 Wh/kg. Una volta che saranno prodotte in serie, potrebbero consentire ai veicoli elettrici di raggiungere un’autonomia di oltre 1.000 chilometri con una singola carica.

Per Svolt Energy si tratta della quinta generazione delle celle prototipo allo stato solido. Attualmente, il costruttore sta sviluppando questa tecnologia presso un laboratorio dedicato alle batterie allo stato solido che è il risultato della fusione del Wuxi Lithium Battery Innovation Center di SVOLT con il Ningbo Institute of Materials Technology & Engineering. Per questa tecnologia, la società ha già depositato 109 brevetti.

Le batterie allo stato solido hanno il potenziale per ridurre l’impronta di carbonio delle batterie dei veicoli elettrici fino al 39% rispetto alle batterie agli ioni di litio liquido, secondo Transport and Environment (T&E) con sede a Bruxelles. Le batterie allo stato solido dovrebbero essere utilizzate nei veicoli elettrici a partire dal 2025 e Ford e BMW inizieranno a testarle alla fine del 2022.

Previous articleEnel X, accordo con Ferrari per impianto FV da 1.535 kWp presso Maranello
Next articleFotovoltaico, in Cina capacità installata del semestre aumentata del 137%