Superbonus 110%, per gli impianti FV basterà il sì del gestore energetico

Per il Superbonus 110% ci sono novità e semplificazioni in arrivo riguardo all’installazione di impianti fotovoltaici: basterà il sì del gestore alla cessione di energia autoprodotta senza attendere il perfezionamento del contratto. Lo riporta Il Sole 24 Ore, commentando i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate durante lo Speciale Telefisco 2021 (organizzato dal quotidiano ecomomico).

In pratica, il requisito della cessione dell’energia autoprodotta al Gse, finalizzata all’incentivo di installazioni solari, è soddisfatto già dal momento di accettazione dell’istanza, anche se il contratto non è ancora perfezionato. Il comma 5 dell’articolo 119 del Dl 34/2020 consente di beneficiare della detrazione del 110% per l’installazione degli impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici o su strutture pertinenziali; il successivo comma 6 prevede poi la medesima detrazione anche per l’installazione di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati, ovvero impianti che permettono di accumulare l’elettricità prodotta e utilizzarla in un momento successivo, spiega Il Sole 24 ore.

Per godere della detrazione del 110% servono però due requisiti fondamentali: l’intervento deve essere eseguito congiuntamente a un “intervento trainante”, come isolamento termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o adeguatamento sismico. E in più l’energia non autoconsumata in sito o non condivisa per l’autoconsumo deve essere ceduta al Gse.

Ed è proprio a tal proposito che l’agenzia delle Entrate ha fornito un chiarimento sulla domanda del contribuente: è possibile infatti fruire del superbonus già dal momento in cui si è in possesso della comunicazione di accettazione dell’istanza, senza la necessità di attendere il perfezionamento del contratto stesso. Una precisazione, conclude Il Sole 24 Ore, che consente di anticipare il momento per la fruizione del superbonus, anche se va considerato che l’istruttoria resta la fase che richiede più tempo.

Previous articleFlash Battery, nuova partnership strategica con Atech
Next articleElettrificazione, MTA acquisisce la maggioranza di EDN