Banner WFW
HomeGigafactoryStellantis apre a Termoli la gigafactory di batterie
Banner Omnia Solar

Stellantis apre a Termoli la gigafactory di batterie

La Gigafactory di batterie per le auto elettriche si farà in Italia a Termoli. Lo ha annunciato Carlos Tavares – l’amministratore delegato di Stellantis, aprendo l’EV Day dedicato alla strategia del gruppo per l’elettrificazione.

Come riporta una nota della società, per accelerare il processo di elettrificazione del parco veicoli prodotti, il gruppo prevede di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025. In questo modo, l’azienda prevede che le vendite auto elettriche arriveranno a coprire il 70% delle proprie vendite totali in Europa e 40% di quelle negli Stati Uniti entro il 2030.

Per quanto riguarda invece la strategia di approvvigionamento delle batterie per i veicoli elettrici, l’azienda prevede di assicurarsi oltre 130 GWh di capacità entro il 2025 e oltre 260 GWh entro il 2030.

Si tratta della terza Gigafactory del gruppo oltre a quelle già presenti in Germania e Francia. Una volta completato il piano “avremo 5 Gigafactory in Europa e negli Stati Uniti, per 260 GWh di capacità installata”, ha dichiarato Tavares. Si tratta di una strategia di elettrificazione onnicomprensiva, specifica la nota, che permetterà all’azienda di puntare a margini di profitto operativo rettificati a due cifre sostenibili nel medio termine.

La bella e attesa notizia è la Gigafactory in Italia. Come ministero dello Sviluppo economico abbiamo lavorato affinché questo accadesse. Ora deve proseguire il confronto sul piano industriale con le parti interessate”, così il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Inoltre attraverso investimenti in ricerca e sviluppo, Stellantis intende abbassare drasticamente i costi delle batterie. L’obiettivo è quello di ridurre i costi di oltre il 40% tra il 2020 e il 2024 e di un ulteriore 20% o più entro il 2030, e che i veicoli elettrificati arrivino a rappresentare oltre il 70% delle vendite in Europa e più del 40% di quelle negli Stati Uniti entro lo stesso anno.

 

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati