zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeEconomia circolareSocietà Ambiente Frosinone, nasce il polo provinciale dell’economia circolare
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Società Ambiente Frosinone, nasce il polo provinciale dell’economia circolare

Si è svolta lo scorso 20 febbraio l’inaugurazione dell’impianto fotovoltaico nel sito industriale Società Ambiente Frosinone (Saf) di Colfelice (Frosinone) in occasione dell’Assemblea dei Soci convocata dal Consiglio di Amministrazione.

Il progetto è stato realizzato dal Consorzio C.M.E. e l’impresa Sgargi Srl che si è aggiudicata i lavori al costo complessivo di €1.100.000,00.

L’impianto si sviluppa sui tetti dei capannoni dall’estensione di  5.099 mq con una potenza installata di circa 1 MW, per una produzione annua di 1.282.823 Kwp corrispondenti a 682.016 kg di emissioni di CO2 evitata all’anno e un risparmio minimo stimato del 30% sul costo dell’energia elettrica.

Con l’occasione sono state illustrate – inoltre- tutte le altre opere previste e terminate nella 1° fase di revamping dell’impianto.

L’Assemblea dei Soci è stata convocata – in forma straordinaria per l’adeguamento dello statuto alla normativa vigente ed alle nuove prospettive di sviluppo industriale (approvato a larga maggioranza) – e in forma ordinaria  per il lancio ufficiale del nuovo progetto condiviso che porterà la SAF a gestire le altre frazioni della raccolta differenziata, quali plastiche, metalli, carta e cartone nel sito industriale REMAT Lazio di San Giorgio a Liri.

La new company è stata siglata con il gruppo ING.AM e SAV.NO S.p.A – due grandi colossi italiani del settore ambientale per lo smaltimento dei rifiuti e leader per la gestione del sistema integrato dei rifiuti.  Il metodo applicato sui territori da loro gestiti ha portato a raggiungere livelli elevati di raccolta differenziata con numeri decisamente importanti che sfiorano l’85%.

La sfida della newco sarà proprio quella di intercettare il sistema ideale da applicare a livello territoriale per migliorare i livelli di RD e fornire ai comuni servizi moderni, efficienti ed eco-sostenibili.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati