Rispettare il pianeta giocando, dal Gse una webapp per studenti

Imparare a rispettare il pianeta giocando. Con questo obiettivo nasce ‘L’Impronta dei Fuoriclasse‘, la webapp del Gestore dei servizi energetici (Gse): una nuova applicazione dedicata a ragazzi e ragazze delle scuole elementari e medie che, grazie all’ausilio di giochi e quiz, possono imparare in maniera divertente come usare l’energia, l’acqua, il riciclo in modo consapevole e a muoversi in armonia con l’ambiente. Per accompagnare i giovani utenti nel viaggio verso la sostenibilità – riporta un comunicato – “ci saranno 4 speciali guardiani del Pianeta: riciclo, energia, mobilità e acqua, che rappresentano i poteri a disposizione per proteggere la terra.

Questa nuova App del Gse fa parte degli strumenti formativi a supporto del programma di educazione energetica ‘Gse incontra le Scuole’, con cui l’azienda dal 2011 ha formato più di 26mila studenti in tutta Italia (più di 3mila nel solo anno scolastico in corso 21/22), offrendo moduli progettati ad hoc e costruiti in base all’età, per guidare le nuove generazioni verso un uso consapevole dell’energia e diffondere la cultura della sostenibilità e dell’efficienza energetica.

‘L’Impronta dei Fuoriclasse’ ha lo scopo di calcolare una vera e propria ‘impronta ecologica’, cioè quante risorse prodotte dalla Terra vengono consumate dai nostri comportamenti quotidiani e come aumentare la consapevolezza sui comportamenti ambientali. I calcoli sono semplificati a scopo didattico, perché l’obiettivo primario è valutare come tutto ciò che facciamo influisca sull’ambiente che ci circonda; in questo modo i ragazzi potranno facilmente valutare la propria impronta utilizzando cellulari, tablet o pc e monitorare le proprie azioni e le buone prassi da tenere.

La webapp incorpora infatti un algoritmo di stima della carbon footprint che utilizza dati ambientali e di contesto, quali ad esempio il numero di lampadine presenti in casa, la distanza casa-scuola, e dati legati al comportamento, ad esempio chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti.

 

Previous articleValentina Leva nuovo innovation manager Home Services B2C di Engie
Next articleRifiuti elettronici, più di 24mila tonnellate gestite da Ecolight nel 2021