Repsol, investimento di 18,3 mld per decarbonizzazione delle attività

Repsol – multinazionale spagnola attiva nei settori del petrolio e del gas naturale – ha annunciato che investirà 18,3 miliardi di euro tra il 2021 e il 2025, di cui 5,5 miliardi (30%) andranno a iniziative a basse emissioni (rinnovabili e pompaggio). È quanto emerge dal nuovo piano strategico, con il quale punta ad accelerare il suo obiettivo di essere un’azienda multi-energia a zero emissioni entro il 2050.

Repsol – riporta un comunicato – si concentrerà sulla decarbonizzazione del proprio portafoglio di attività e su un nuovo modello operativo suddiviso in quattro aree di business: Upstream (esplorazione e produzione), Industrial, Customer e Low-emission Generation, che potrebbero essere inserite dai partner o flottate in borsa per incrementare i propri obiettivi e garantire un maggiore ritorno sulle operazioni.

Ricordiamo che la società è nata nel 1999 con l’acquisizione dell’argentina YPF. È una delle dieci principali società petrolifere del mondo con circa 30.000 dipendenti, quotata alla Borsa di Madrid e parte dell’indice IBEX 35. Possiede 12 raffinerie e oltre 6.000 stazioni di servizio in Spagna, Portogallo, Italia e America meridionale.

Previous articleEnel ed Eni, accordo per lo sviluppo dell’idrogeno verde
Next articleSuperbonus, report indica impatto sul PIL italiano di 3 punti percentuale