Punti di ricarica: DriWe fornisce supermercato nel veronese

É stato installato presso il supermercato Iperfamila di San Bonifacio, in provincia di Verona, il cinquecentesimo punto di ricarica per auto elettrica  fornito da DriWe, PMI innovativa attiva sul mercato della mobilità elettrica. Il primo punto di ricarica DriWe – riporta il comunicato della società – era stato installato nell’estate 2016 nel comprensorio turistico Abano Montegrotto Terme, a pochi metri dall’ingresso della piscina più profonda del mondo.

Già da allora i sistemi di ricarica DriWe erano all’avanguardia, quindi integrati con una piattaforma “smart” aperta per garantire all’utente finale una facile identificazione di punti di ricarica e sistemi di pagamento tramite smartphone.

Oggi il settore della mobilità elettrica è in grande fermento: nonostante l’Italia  sia indietro rispetto ad altri paesi europei, Norvegia e Germania in testa, ci sono stati importanti segnali di crescita nel 2018 e nel primo semestre del 2019.

Da una recente ricerca dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano emerge che in Italia ci sono oggi circa 8.200 punti di ricarica accessibili al pubblico, con una diffusione maggiore – circa il 51% – nel Nord Italia.

DriWe considera molto importante il punto di vista degli utenti finali, che devono potere trovare facilmente punti di ricarica accessibili tramite la App del loro smartphone. Per rispondere a questa esigenza la mobilità elettrica deve essere oltre che “verde”,  anche “smart”. Con questo obiettivo nel mondo si stanno sviluppando “piattaforme software” che aggregano punti di ricarica di operatori diversi, per consentire agli utenti finali di identificare facilmente luoghi in cui è possibile ricaricare l’auto con sistemi di pagamento largamente condivisi. La piattaforma utilizzata da DriWE è una di queste, sulla quale complessivamente sono indicizzati oltre 200.000 punti di ricarica.

“Il 70% dei nostri clienti appartiene al settore privato, si tratta di alberghi e centri commerciali che affianchiamo da un punto vista tecnico, progettando la stazione di ricarica più adatta alle loro esigenze, e trovando insieme il metodo di gestione e tariffazione più idoneo al loro business”, afferma Luca Secco, fondatore e CEO di DriWe, ”Spesso gestiamo per loro conto il servizio di pagamento e forniamo supporto telefonico H24x7 agli utenti finali che, magari alle prime armi, si trovano in difficoltà  al  momento della ricarica. Le nostre soluzioni sono disponibili anche in modalità ‘chiavi in mano’, per i clienti che intendono gestire in autonomia il servizio di ricarica”.

 

 

Previous articleA2A investe sull’innovazione. Acquisizione di start-up con un fondo da 70 milioni
Next articleArchimede Energia, batterie industriali al litio per il settore Motive Power