Punti di ricarica, anche l’italiana Ame Ventures “incassa” dalla cessione di Pod Point ad Edf

Il colosso energetico francese Edf (Electricité de France), ha rilevato la maggioranza della ex startup Pod Point, società inglese attiva nella fornitura di punti di ricarica per veicoli elettrici sulla base di una valutazione di 100 milioni di sterline.

L’operazione è stata condotta in joint venture con Legal & General Capital, braccio di venture capital del gruppo finanziario inglese Legal & General, che era già investitore di Pod Point e che ha acquisito ora una quota del 23%.

Fondata a Londra nel 2009 da Erik Fairbairn (ceo) e Peter Hiscocks (presidente), la società aveva raccolto sinora 12,3 milioni di sterline in quattro round, di cui l’ultimo nel marzo 2019, che era stato guidato appunto sempre da Legal & General Capital. Tra gli investitori che in questa occasione sono usciti dal capitale di Pod Point c’è anche l’italiana Ame Ventures, che aveva partecipato nel 2017 al primo round di Pod Point e che dalla exit ha ottenuto un tasso interno di rendimento superiore al 30%.

Ame Ventures è la holding di investimento fondata nel 2005 da Michele Appendino, che si concentra sulle startup attive a livello internazionale nei settori internet ed energie rinnovabili. La holding controlla, tra le altre, Solar Ventures, produttore indipendente di energia solare attivo in Italia e Spagna. In passato, ha finanziato imprese come Vista Print, Yoox, Mutui Online, eDreams e Volagratis.

Previous articleLa più grande centrale fotovoltaica della Turchia avrà inverter e tecnologie di SMA
Next articleDirettiva UE sull’efficienza energetica degli edifici, le associazioni scrivono al Governo