Progetto Atlante di Stellantis, individuati oltre 700 siti di ricarica fast

Procede il piano annunciato da Stellantis all’Ev Day dello scorso luglio con l’esecuzione del progetto Atlante, la più grande rete europea di ricarica ‘fast’ per veicoli elettrici, completamente integrata con la rete, alimentata con energia da fonti rinnovabili e sistemi di accumulo.

Il piano Atlante – nato dalla collaborazione tra Stellantis, il gruppo Nhoa e Free2Move eSolutions – prevede l’installazione in Italia, Francia, Spagna e Portogallo, di 5.000 punti di ricarica rapida entro il 2025 e fissa il target per il 2030 a oltre 35.000, tutti integrati con la rete (Vehicle-Grid-Integrated).

Sono già stati individuati oltre 700 siti per l’installazione delle colonnine di ricarica, il 10% dei quali in fase di sviluppo, principalmente in Italia. “Le installazioni fast charging nel Sud dell’Europa sono una grande opportunità di crescita e sviluppo verso una nuova mobilità che ci consentirà di costruire un futuro migliore per le prossime generazioni“, ha dichiarato Anne-Lise Richard, Head of Global e-Mobility Stellantis. “Grazie all’expertise di Nhoa, tra i primi cinque player al mondo nello stoccaggio di energia, il network Atlante risponderà in modo tangibile a queste necessità” ha affermato Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato di Nhoa.

Il progetto Atlante e le installazioni di ricarica fast nell’Europa Meridionale – spiega Roberto Di Stefano, amministratore delegato di Free2Move eSolutions – sono il passo necessario per permettere alla mobilità elettrica di svilupparsi e consentire spostamenti ad ampio raggio senza essere costretti a lunghe attese per ricaricare prima di riprendere il viaggio. Si tratta di un’opportunità unica di crescita e sviluppo, in quanto praticamente tutta la rete di ricarica rapida “on-the-go” deve ancora essere sviluppata“.

Previous articleMotus-E: “Urge rinnovare gli incentivi per auto elettriche”
Next articleCoop Lombardia, partnership con Enel X per le colonnine di ricarica