Pierre Lahutte entra nel CdA di Friem

Friem – storica società italiana specializzata in  sistemi di conversione statica dell’energia – continua la sua evoluzione nel settore della mobilità elettrica, con lo sguardo come sempre rivolto verso un futuro sostenibile. Il percorso iniziato nel 2018 con l’integrazione nel Gruppo FRIEM di Yess.energy prima e di Eyes Group S.r.l. poi, continua oggi con l’ingresso di Pierre Lahutte nel Consiglio di Amministrazione. Il manager si era dimesso lo scorso anno dal ruolo di Brand President di Iveco.

Il 21/05/2020, Pierre Lahutte inizierà ufficialmente la sua collaborazione con FRIEM” – racconta Lorenzo Carnelli, CEO di FRIEM – “Siamo onorati di avere Pierre ‘a bordo’, arricchendo ulteriormente le capacità manageriali di tutto il Gruppo FRIEM. La sua importante conoscenza ed esperienza nel settore automotive focalizza la visione strategica di integrare, nel settore della mobilità elettrica, le soluzioni che FRIEM applica, da molti anni e con successo, nei settori dell’Industria e dell’Energia. Massimizzare l’utilizzo di energia rinnovabile e rendere disponibile la potenza richiesta dai veicoli elettrici è il nuovo paradigma dello sviluppo sostenibile: questo è l’obiettivo a cui puntiamo.”

Inoltre – afferma Pierre Lahuttenello sviluppo della mobilità elettrica, appare evidente che la sfida maggiore per gli operatori delle flotte e della relativa infrastruttura sia la gestione dell’energia e della potenza necessari per la ricarica dei veicoli: quasi sempre è obbligatorio rinnovare sia le strutture che le competenze. Vantando un’esperienza unica nella conversione e nell’accumulo di energia elettrica, includendo la gestione di sistemi complessi (minigrid e off-grid) e di ricarica dei veicoli elettrici, FRIEM si propone come partner affidabile per quegli operatori che puntano al pieno controllo della propria infrastruttura indipendentemente dalla sovrastruttura energetica e dal tipo di veicoli utilizzati.

Previous articleUgo Soleri è il nuovo CEO di Global Solar Fund in Italia
Next articleNuova vita agli impianti fotovoltaici con la campagna revamping di Fimer