Paesi scandinavi: serve il 75% in più di energia elettrica per la neutralità climatica

Secondo uno studio pubblicato in Finlandia dal portale ambientalista Fortum – e ripreso dalla Reuters –  per raggiungere la neutralità climatica nei paesi scandinavi entro il 2050 servirà il 75% in più di energia elettrica rispetto ad oggi. In definitiva, rispetto a quanto generato al momento, serviranno ulteriori 290 terawattora di elettricità pulita. E parliamo di una vasta area geografica dove i temi e le priorità ambientali occupano i primi posti delle agende governative.

La Finlandia si è posta il raggiungimento degli obiettivi carbon neutral entro il 2035, l’Islanda entro il 2040, la Svezia entro il 2045, Norvegia e Danimarca entro il 2050. Ciò significa sostituire il carbone, il petrolio e il gas naturale con l’elettrificazione di diverse settori strategici di questi Paesi, dall’industria ai trasporti, dai servizi all’economia, dalle case alle amministrazioni pubblica, dalla sanità alla sicurezza.

Lo studio indica che i settori più difficili da avviare alla transizione energetica green, perché più energivori, sono quelli dell’industria pesante, dell’acciaio, della chimica e dei trasporti (non solo di terra, ma anche di cielo e mare) Serviranno per questo nuovi 83 gigawatt di energia elettrica generata da fonti energetiche rinnovabili, soprattutto dagli impianti eolici, idroelettrici e nucleari.

Riguardo all’eolico, aumenterà la capacità di generare energia elettrica del +70% grazie agli impianti onshore e del +20% da quelli offshore, mentre dal sole si ricaverà un altro 10% in più.

Oltre all’elettrificazione da fonti rinnovabili, si attende una riduzione delle emissioni inquinanti anche dall’utilizzo di carburanti puliti come l’idrogeno (a sua volta ottenuto attraverso l’impiego di fonti rinnovabili).

 

Previous articlesonnen entra nel mercato belga grazie a partnership con Opteco
Next articleSolar-Log, nuova funzione “Smart Grid” per la gestione degli impianti FV