Navi a emissioni zero, accordo incentrato su alimentazione ad ammoniaca

MISC Berhad (la principale compagnia di navigazione internazionale della Malesia), il costruttore navale sud-coreano Samsung Heavy Industries, l’organizzazione marittima Lloyd’s Register e MAN Energy Solutions (produttore di motori diesel per nave) hanno annunciato che lavoreranno insieme su un progetto di sviluppo congiunto per una nave cisterna alimentata ad ammoniaca (nella foto, i firmatari dell’accordo nella sede della Samsung Heavy Industries).

In linea con gli ambiziosi obiettivi dell’International Maritime Organization (IMO) di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2050 (rispetto ai livelli del 2008), questa alleanza, riporta  una nota del Lloyd’s Register, «è stata motivata dalla convinzione che l’industria marittima ha bisogno di maggior leadership e collaborazione». L’ambizione dell’IMO, secondo il Lloyd’s, richiede che le prime navi a zero emissioni inizino a navigare entro il 2030.

L’ammoniaca – riporta la nota – è più facile da gestire dell’idrogeno. È più densa e a parità di peso contiene più combustibile. Richiede molecole più facilmente reperibili in natura per essere sintetizzata, liquefa in natura a otto atmosfere di pressione (l’idrogeno deve raggiungere i 160 gradi sottozero e richiede più pressione).

 

 

Previous articleEnertronica Santerno presenta nuovo inverter centrale ad alta quota
Next articleSTMicroelectronics acquista carburo di silicio da SiCrystal per soddisfare la crescente domanda

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here