Nasce l’alleanza UE per l’industria solare fotovoltaica

La Commissione UE – insieme ad attori industriali, istituti di ricerca, associazioni e altre parti interessate – ha lanciato l’alleanza europea per l’industria solare fotovoltaica.

L’alleanza – riporta una nota – “contribuirà ad attenuare il rischio di approvvigionamento garantendo la diversificazione delle forniture attraverso importazioni più varie e il potenziamento della fabbricazione di prodotti innovativi e sostenibili per il solare fotovoltaico nell’UE”. La Commissione e i firmatari dell’Alleanza hanno definito le priorità immediate per il 2023 in una dichiarazione congiunta.

“I paesi terzi forniscono un sostegno massiccio allo sviluppo delle loro industrie a tecnologia pulita e attirano le nostre. L’UE deve fare di più a livello di investimenti e contesto normativo affinché la nostra produzione di tecnologie pulite possa prosperare, creare posti di lavoro in Europa e competere su scala mondiale. La nuova alleanza europea per l’industria solare fotovoltaica è un’iniziativa chiave per ridurre le dipendenze e aumentare la capacità produttiva dell’UE di tecnologie solari fotovoltaiche a 30 GW all’anno entro il 2025 lungo l’intera catena del valore”, ha dichiarato Thierry Breton, commissario per il Mercato interno.

Quest’anno prevediamo di aggiungere 40 GW di impianti solari fotovoltaici in Europa. Affinché l’UE possa conseguire gli obiettivi di REPowerEU si deve però arrivare a 60 GW all’anno. Dobbiamo sostenere l’industria europea in questo processo, per cui accolgo con favore la nuova alleanza, che è destinata a svolgere un ruolo importante nei nostri sforzi per garantire l’indipendenza energetica, conseguire i nostri obiettivi in materia di clima e mantenere la competitività dell’Europa”, ha spiegato Kadri Simson, commissaria per l’Energia.

Il potenziamento della capacità produttiva intera sarà fondamentale per consentire all’UE di realizzare gli obiettivi di REPowerEU che prevedono oltre 320 GW di capacità solare fotovoltaica di nuova installazione entro il 2025 e quasi 600 GW entro il 2030.

La nuova alleanza ha approvato l’obiettivo di raggiungere una capacità produttiva europea di 30 GW entro il 2025, lungo l’intera catena del valore. Ciò consentirebbe di generare 60 miliardi di € di nuovo PIL all’anno in Europa e di creare più di 400 000 nuovi posti di lavoro.

 

Previous articleBatterie, in funzione in Germania il primo stabilimento europeo di CATL
Next articleIl GSE pubblica il nuovo Modello Unico per impianti FV fino a 200 kW