Motori elettrici, Ego Venture cede Mavel a fondo cinese

Ego Venture, corporate venture capital del Gruppo Ego, ha annuciato la cessione della sua quota di Mavel, Pmi italiana di base a Pont St Martin (Valle d’Aosta), specializzata nella progettazione e produzione di motori elettrici e di elettronica di potenza per applicazioni industriali e aeronautiche. La società – riporta un comunicato –  è stata rilevata al 100% da Weisa Automobile Technology, fondo d’investimento cinese impegnato nel settore dell’auto elettrica. Ha chiuso il 2019 con un valore della produzione di 4,5 milioni di euro e un ebitda di 890 mila euro.

L’operazione fa parte di un progetto più ampio che vede il fondo di private equity fondato e presieduto da Carlo Corallo far rotta verso settori ad alta tecnologia e alto tasso di sviluppo come l’Intelligenza Artificiale e il Clean Tech.

«I punti di forza di Ego Venture sono la capacità e l’impegno ad affiancare l’azienda a 360 gradi. Fare innovazione e fare impresa sono mestieri diversi, e la difficoltà nel gestire i due aspetti è uno dei motivi per cui lestart-up stentano a decollare.”- ha affermato Carlo Corallo – “Il nostro modello asseconda l’evoluzione naturale dell’innovazione cercando di evitare pressioni sui risultati in tempi brevi. Non sempre il mercato è maturo per le nuove idee. L’esempio di Mavel è significativo anche in questo senso: abbiamo chiuso con successo un’operazione che da iniziativa a scala locale è divenuta di portata globale coerentemente con la maturazione del mercato dell’auto elettrica verso cui l’azienda ha concentrato le proprie risorse negli ultimi 5 anni»

 

Previous articleLivio De Santoli nominato presidente del Coordinamento Free 
Next articleEnel Green Power e Novartis, accordo decennale per l’energia rinnovabile