LM Wind Power, pale eoliche a zero rifiuti entro il 2030

LM Wind Power, sussidiaria di GE Renewable Energy, prevede di produrre pale a zero rifiuti entro il 2030. La società ha comunicato la decisione di giocare un ruolo centrale nel sostenere i suoi clienti a sviluppare turbine eoliche completamente circolari che generano meno rifiuti durante la loro produzione.

L’obiettivo è quello di non inviare materiali di produzione e imballaggi in eccesso a discariche e inceneritori senza recupero di energia entro il 2030. I rifiuti della produzione rappresentano una delle maggiori sfide affrontate da molte industrie che cercano di ridurre la loro impronta di carbonio.

Nell’industria eolica, circa il 20-25 per cento dei materiali acquistati dai produttori di pale eoliche non entra nel prodotto finale, e la ricerca indica che i volumi di scarti di produzione delle pale dovrebbero essere maggiori di quelli delle pale dismesse nel prossimo decennio.

La nostra tecnologia ha giocato un ruolo cruciale nel rendere l’energia eolica una delle fonti di elettricità più competitive.” – ha dichiarato Olivier Fontan, CEO di LM Wind Power  – “Ora l’attenzione si è evoluta nel rendere l’energia eolica non solo competitiva, ma anche nel rendere l’industria sostenibile. Non si tratta di uno o dell’altro, ma di entrambi. Siamo determinati a lavorare con i nostri partner per ridurre l’impronta di carbonio delle turbine eoliche; insieme possiamo essere l’esempio di come un’industria trasforma la sua catena del valore per sostenere la transizione verde e il passaggio critico a un’economia circolare. Le pale a zero rifiuti sono il nostro contributo a questa missione industriale“.

Per i produttori di turbine eoliche e di pale, la chiave per ridurre l’impronta di carbonio del prodotto si trova nella catena di fornitura. Nel ciclo di vita delle pale – specifica nella nota diffusa LM Wind Power – circa il 75 per cento delle emissioni di CO2 avviene nella catena di fornitura.

Questa è una call per i fornitori dell’industria eolica: unitevi a noi nel progettare l’eliminazione dei rifiuti dalla nostra catena del valore.” – ha detto Hanif Mashal, vicepresidente di LM Wind Power, ingegneria e tecnologia – “L’impegno con la nostra catena di fornitura sulla prevenzione dei rifiuti aumenterà nei prossimi anni; nelle partnership esploreremo anche il modo in cui possiamo alla fine restituire i rifiuti ai fornitori, per il riciclaggio in nuovi materiali che saranno forniti all’industria eolica o ad altri settori“.

 

Previous articleBluenergy: il fatturato sale a 416 milioni di euro, +21% rispetto al 2020
Next articleNIO e Shell, accordo per le stazioni di cambio batterie in Europa e Cina