L’italiana Qint’x nel progetto per il parco eolico offshore del Mediterraneo

Qint’x, società di Ravenna specializzata in energie rinnovabili che assieme a Saipem sta sviluppando il “progetto Agnes” al largo delle coste romagnole (qui la nostra news sul progetto), parteciperà alla realizzazione del primo parco eolico offshore del Mediterraneo.

Si tratta di un parco da 30 Mw, che la società Renexia sta costruendo davanti al porto di Taranto. Qint’x ha firmato un contratto per la fornitura di servizi in sito di costruzione con la società fornitrice delle pale eoliche, la cinese MingYang.

Questo contratto è un passo importante per garantire la crescita di Qint’x e dei suoi tecnici nel settore offshsore – afferma Alberto Bernabini CEO di Qint’x -, sia nella fase progettuale che in quella realizzativa. Esperienza pratica che tornerà utile per il progetto Agnes in Romagna. I cambiamenti climatici sono ormai ampiamente dimostrati e nei prossimi anni anche in Romagna, in acque internazionali, lo sviluppo dell’offshore sarà indispensabile per combatterli.

Lo scorso anno Qint’x aveva supportato un altro colosso cinese, Goldwind, nell’installazione del suo primo impianto eolico in Italia. Quest’anno sarà la prima azienda romagnola ad affrontare le problematiche dell’installazione di turbine eoliche in mare aperto nel Mediterraneo.

Previous articleSuperbonus, M5S: “Il successo della misura impone una proroga al 2023”
Next articleElon Musk: “La Tesla Giga Berlin operativa entro fine anno”