L’annuale evento UE per la riduzione dei rifiuti è dedicato alle “Comunità circolari”

La tredicesima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (Serr) avrà luogo tra il 20 e il 28 novembre. Quest’anno il focus tematico riguarderà le ‘Comunità circolari’. Lo ha annunciato il comitato promotore nazionale della Serr, composto da Cni Unesco, ministero della Transizione Ecologica, Anci, Regione Siciliana, Città Metropolitana di Torino, Utilitalia, Legambiente e Aica (con Erica Soc. Coop. in qualità di partner tecnico). Sarà possibile iscriversi alla Serr 2021 da mercoledì 1 settembre fino a mercoledì 27 ottobre 2021 accedendo al sito www.ewwr.eu e registrando così la propria azione.

L’eccessiva produzione di rifiuti – specifica il comitato in una nota – è una delle maggiori minacce per il nostro pianeta. La responsabilità è condivisa, e la risposta non può che essere la collaborazione. “Per questo motivo, con il tema centrale di quest’anno, ‘Comunità circolari’, la Serr intende valorizzare e promuovere azioni che permettono la creazione e il consolidamento di legami sociali all’interno di comunità locali, incentivandone uno sviluppo più ‘circolare’.

La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti è nata all’interno del Programma Life+ della Commissione Europea con l’obiettivo primario di sensibilizzare le istituzioni, gli stakeholder e i consumatori circa le strategie e le politiche di prevenzione dei rifiuti delineate dall’Unione Europea e che gli Stati membri sono chiamati ad attuare. Il crescente successo dell’iniziativa, riconosciuta a livello istituzionale dal ministero della Transizione Ecologica, ha portato l’Italia nel 2020 a registrare quasi 3.500 azioni, diventando così la nazione con più azioni in Europa.

Anche per il 2021 l’obiettivo sarà coinvolgere il più possibile pubbliche amministrazioni, associazioni e organizzazioni no profit, scuole, università, imprese, associazioni di categoria e singoli cittadini a proporre azioni volte a prevenire, ridurre o riciclare correttamente i rifiuti a livello nazionale e locale.

Previous articleABB, test indipendenti per il portafoglio di stazioni di ricarica
Next articleEnergia elettrica, l’Italia verso ampliamento delle tutele per i consumatori