Labozeta sceglie Silla Industries per percorso verso l’economia green

Impegno verso un modello di consumo più sostenibile e una maggiore attenzione all’impatto ambientale: sono i valori che accomunano Silla Industries e Labozeta ad avere contribuito alla partnership tra le due realtà. La start up padovana dell’e-mobility è stata infatti scelta dall’azienda romana, attiva dal 1983 nella progettazione e realizzazione di laboratori scientifici, per affiancarla nell’importante progetto di riconversione verso un’economia green finalizzata alla riduzione delle emissioni di CO2.

In particolare, a convincere Labozeta è stata la capacità di Prism Solar – soluzione di Silla Industries – di garantire piena sinergia con gli impianti fotovoltaici nel ricaricare il nuovo parco auto aziendale, completamente elettrico.

Fin dal principio non abbiamo avuto dubbi nella possibilità di coinvolgere Silla Industries in questo progetto, sicuri che il loro prodotto di punta fosse esattamente quello che ci serviva per valorizzare i nuovi pannelli solari e sfruttare l’energia in eccesso prodotta per ricaricare le auto elettriche per i nostri dipendenti nell’ottica di ridurre progressivamente la nostra dipendenza energetica e l’impatto sull’ambiente” commenta Andrea De Matthaeis, Amministratore Delegato di Labozeta S.p.A. “E i numeri lo possono testimoniare: è come se avessimo evitato 45mila km percorsi da un’auto abbassando l’emissione di gas serra di 11,22 tonnellate di CO2 in un anno”.

Condividiamo pienamente la filosofia green di Labozeta e il suo impegno verso la sostenibilità” aggiunge Alberto Stecca, CEO di Silla Industries. “In un momento di maggiore pressione sulla spesa energetica e di grande attenzione verso nuovi modelli sempre più sostenibili, la mobilità elettrica rappresenta una parte importante dell’impegno nel processo di transizione energetica e questo è il momento ideale per investire in un’economia altamente efficiente e basata al 100% su fonti rinnovabili”.

Previous articleRincari energia, Fluence: “L’accumulo basato su batterie può essere soluzione”
Next articleKeysight potenzia il portafoglio per la ricarica della mobilità elettrica con un nuovo software