Enel e ESA, applicazioni spaziali per la transizione ecologica

Enel Italia, Comune di Genova e Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno firmato un Protocollo d’Intenti incentrato sulla promozione dello sviluppo di tecnologie spaziali per accelerare l’innovazione verde e migliorare la qualità della vita dei cittadini attraverso lo sviluppo economico sostenibile, accompagnando la trasformazione della città e la sua crescita socio-economica.

Le parti metteranno a disposizione le proprie competenze e si impegneranno in azioni congiunte per raggiungere gli obiettivi condivisi e accelerare lo sviluppo di applicazioni innovative che utilizzano lo spazio relative la blue economy, la mobilità green, lo sviluppo del porto e delle infrastrutture.

L’accordo strategico per Genova, scelta come città pilota del progetto, prevede l’avvio a gennaio di una serie di attività correlate a sostegno delle acque regionali.

La città sarà il punto di arrivo della prossima edizione di The Ocean Race nel 2023, un evento che ha una forte attenzione alla sostenibilità.

Abbiamo aderito con convinzione ed entusiasmo a questo progetto. – ha dichiarato Nicola Lanzetta, Direttore Enel Italia – “L’Azienda è fortemente impegnata nello sviluppo di fonti di energia rinnovabile e sempre alla ricerca di nuove tecnologie ecocompatibili. Il nostro contributo, unito alla conoscenza del territorio, alle innovazioni tecnologiche e all’esperienza degli altri soggetti interessati, porterà indubbi benefici alla città di Genova e al suo mare, e valore condiviso per tutti gli stakeholder”.

Sono lieta di annunciare questa collaborazione di successo che creerà nuove opportunità di cooperazione intersettoriale, per facilitare lo sviluppo di tecnologie e applicazioni spaziali innovative che permetteranno di accelerare l’innovazione verde per le città sostenibili” ha affermato Elodie Viau, Direttrice delle telecomunicazioni e delle applicazioni integrate dell’ESA.

 

 

Previous articleSonepar, nuovo centro di distribuzione a Catania
Next articleJv tra Foresight Group e VEI Green II acquisisce sei impianti FV nelle Marche