Laboratorio universitario italiano lancia raccolta fondi per impianti FV in Guinea

Il progetto studentesco LEDS for Africa dell’università degli Studi di Padova ha dato il via a una campagna di crowdfunding con l’obiettivo di finanziare la prima missione per l’installazione di impianti fotovoltaici nel villaggio rurale di Ponta Cabral in Guinea Bissau.

L’iniziativa nasce nel 2018 dalla sinergia tra l’associazione LEDS dell’università di Padova, organizzazione e laboratorio didattico degli studenti di Ingegneria dell’energia, e il missionario Padre Michael, direttore della missione francescana di Quinhamel, il capoluogo più prossimo al villaggio di Ponta Cabral.

In una nota gli studenti spiegano che «nel complesso il progetto prevede l’installazione di 100 impianti fotovoltaici domestici autonomi, un sistema di pompaggio solare e un impianto in corrente alternata che andranno ad apportare significativi miglioramenti alla vita di circa 100 famiglie. L’accesso all’energia è un fattore essenziale per gli abitanti del villaggio, con immediati benefici dal punto di vista sanitario e di accesso all’istruzione».

Il progetto, conforme ai criteri ispiratori della sostenibilità ambientale e sociale, va nella direzione di molti dei global goals delineati nell’Agenda Onu 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, a partire dal SDG7 che punta a a garantire l’accesso a un’energia economica, affidabile, sostenibile e moderna per tutti.

Sostengono LEDS for Africa: Università degli Studi di Padova, Centro Studi Levi Cases, DII – Dipartimento di Ingegneria Industriale e IEEE – Institute of Electrical and Electronics Engineers.

Previous articleSaipem, perdita ridotta nei primi 9 mesi. Ricavi +47%
Next articleIl cambiamento climatico tra le sfide più grandi per il 44% degli italiani