La Sardegna accoglie 1.176 nuovi punti di ricarica Enel X

Enel X e la Regione Sardegna hanno firmato un nuovo protocollo d’intesa – al quale potranno aderire anche altri soggetti pubblici e privati – che prevede l’installazione di 1.176 punti di ricarica per promuovere la diffusione delle auto elettriche nell’isola. Lo riporta un comunicato della business line per i servizi energetici avanzati del Gruppo Enel.

L’attivazione dei charging point comporterà un investimento di 7 milioni di euro del tutto a carico della business unit di Enel e prevede installazioni in tutte le principali località sarde. Tra queste vi sono Cagliari e i comuni della sua area metropolitana, ma anche Sassari, Nuoro, Oristano e Olbia, oltre a importanti località costiere come Alghero, Pula, Porto Torres, Stintino e Castelsardo, più altre dell’entroterra.

I 1.176 nuovi punti di ricarica verranno resi disponibili grazie all’installazione sul territorio di colonnine di diverse tipologie e caratteristiche. In particolare, 108 saranno di tipo ultrafast: 68 saranno JuicePump, che prevedono la ricarica multistandard DC e AC fino a 50 kW, mentre 40 saranno predisposte per la tecnologia vehicle-to-grid, cioè per lo scambio bidirezionale di corrente tra il veicolo e la rete energetica. Infine, ben 466 saranno le JuicePole, vale a dire le più celebri colonnine Enel X, che consentono di caricare contemporaneamente due veicoli a 22 kW.

Previous articleGse, al via campagna di monitoraggio impianti FV incentivati fino a 800 kWp
Next articleAlerion Clean Power, accordo per lo sviluppo di tre nuovi progetti eolici in Romania