Hyundai, tre punti per la transizione verso società a idrogeno

Sono tre i passaggi chiave per accelerare la transizione verso una società basata sull’idrogeno. Lo ha affermato a Parigi – come riportato dall’agenzia Ansa – Euisun Chung, executive vice chairman di Hyundai Motor Group, in occasione del terzo meeting annuale fra i ceo dell’Hydrogen Council (di cui lui è co-presidente). Nella foto tutti i componenti dell’associazione.

”Non esiste alcuna scorciatoia per creare una futura società a idrogeno” – ha precisato  Chung – sottolineando poi che ”è essenziale stabilire piani di implementazione dettagliati per i rispettivi settori e le diverse fasi dello sviluppo del settore”. A tal fine, il manager sudcoreano ha individuato tre importanti punti di azione.

Come primo passo, Chung ha raccomandato di cercare di ridurre i costi attraverso l’innovazione tecnologica in tutti i settori dell’industria dell’idrogeno. Al fine di sfruttarne appieno il potenziale di migliore alternativa ai combustibili fossili, è necessario esplorare nuovi modi creativi per ridurre i costi in un arco di tempo più breve nell’intera catena di valore (compresi produzione, stoccaggio, distribuzione e utilizzi).

L’executive vice chairman di Hyundai ha poi posto l’accento sul ”bisogno di istituire un sistema di gestione della sicurezza globale lungo l’intera catena del valore dell’idrogeno, al fine di convincere l’opinione pubblica che l’idrogeno è completamente affidabile in termini di sicurezza”.

Come terzo punto, Chung ha infine sponsorizzato un’ampia accettazione dell’idrogeno: ‘‘È necessario che governi e politica promuovano una visione di una società a idrogeno, i benefici e le opportunità che questa creerà”.

Inoltre, Chung ha elogiato il lavoro e la dedizione di tutti i membri dell’Hydrogen Council e ha riconosciuto gli sforzi collettivi per far avanzare la coalizione: ”Dobbiamo essere orgogliosi dei risultati ottenuti finora, solo tre anni dopo la nascita dell’Hydrogen Council.  Oggi faremo un bilancio dei nostri progressi e rifletteremo sulle nostre valutazioni per forgiare la nostra strategia per questo e per i prossimi anni”.

Previous articleSmart Building Report 2019, appuntamento al Polimi il 6 febbraio
Next articleFinestre fotovoltaiche, save NRG entra nel capitale di Glass to Power