zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeMobilità elettricaFANUC, l'automazione al servizio della mobilità elettrica
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024

FANUC, l’automazione al servizio della mobilità elettrica

L’automazione contribuirà a ridurre il costo finale dei veicoli elettrici. Sarà proprio la robotizzazione delle linee produttive a fare da propulsore per la diffusione di massa delle auto alimentate a batterie”.

Ne è convinto Kenji Yamaguchi, Presidente e CEO di FANUC – tra i leader mondiale nel campo della robotica, del controllo numerico e dell’automazione industriale – che nel corso di una recente intervista con il quotidiano economico giapponese Nikkei Asia ha rilasciato importanti dichiarazioni sul futuro dei robot e sul legame a doppio filo esistente tra automazione industriale e mobilità elettrica.

Le linee produttive dell’automotive dedicate alla realizzazione di veicoli elettrici (EV) richiedono un numero maggiore di robot rispetto alle linee tradizionali”, ha affermato Yamaguchi – “Le auto elettriche sono alimentate da batterie. Rispetto ai tradizionali motori a combustione, le batterie sono meno complesse da realizzare dal punto di vista meccanico, e più semplici da assemblare, con movimenti ripetitivi. Per questa ragione, la produzione di batterie rappresenta un’operazione facile da automatizzare, ideale quindi per l’impiego di bracci robotizzati. Le case automobilistiche di tutto il mondo stanno spostando la loro attenzione verso l’elettrificazione, pertanto ci aspettiamo che i relativi investimenti in robot industriali accelerino”.

Anche l’assemblaggio dei motori elettrici e degli inverter è un’operazione facilmente automatizzabile – specifica un comunicato di FANUC – data la loro struttura non particolarmente complessa. La società ha quindi sviluppato nuovi robot industriali dedicati all’industria dell’auto e alla produzione di auto elettriche: sollevatori robusti per i pacchi batterie, e nuovi bracci robotizzati dalla cinematica agile per la saldatura e per l’assemblaggio di batterie e altri componenti anche in spazi difficili da raggiungere.

L’obiettivo di FANUC è supportare tutti i clienti nell’evoluzione delle loro modalità e capacità produttive. “Lavoreremo per rafforzare la nostra capacità di produzione con l’obiettivo strategico di essere sempre più competitivi sul lungo termine”, ha concluso Yamaguchi.
Attualmente, gli stabilimenti produttivi di FANUC in Giappone fabbricano 8.000 robot industriali al mese, con la possibilità di espandere la capacità produttiva fino a 11.000 unità.

Nel futuro di FANUC, la parola chiave è semplicità di utilizzo. L’azienda nipponica prevede di concentrarsi su modelli che offrano funzioni speciali alla portata di tutti, come controlli di facile programmazione e la possibilità di operare in totale sicurezza vicino alle persone.

Siamo ad un punto di svolta per quanto riguarda l’industria automobilistica: il futuro della produzione di auto punta dritto nella direzione dell’elettrico”, ha commentato Marco Delaini, Managing Director di FANUC Italia. “Il layout delle fabbriche sta già cambiando. È inevitabile immaginare una filiera automotive tecnologicamente avanzata, dove i robot si occuperanno di eseguire azioni ripetitive in grandi quantità e gli operatori supervisioneranno l’intera produzione dedicandosi a compiti di analisi e ottimizzazione performance e all’assemblaggio particolarmente complessi, supportati anche da robot collaborativi per l’interazione intelligente tra uomo e macchine”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati