Falck Renewables, parco agrivoltaico in Sicilia finanziato col crowdfunding

Ecologia, ambiente e lavoro sono al centro del progetto agrivoltaico di Landolina a Scicli (provincia di Ragusa, Sicilia), di proprietà di Falck Renewables. Il progetto – la cui costruzione inizierà a novembre 2021 – si estenderà su un terreno di 22 ettari. Di questi – riporta un comunicato – 17 ettari saranno destinati alla coesistenza di fotovoltaico e coltivazioni, mentre 5 ettari saranno dedicati unicamente a piantumazioni.

Si stima che, una volta in esercizio, il parco agrivoltaico di Landolina (9,7 MW) produrrà circa 20 GWh di energia rinnovabile, pari al fabbisogno di oltre 5mila famiglie. L’impianto combinerà produzione agricola ed energia rinnovabile, massimizzando l’efficienza di uso del suolo, con la messa a dimora di colture autoctone – quali alberi da frutto (ulivo, carrubo, mandorlo), erbe officinali e prato polifita – individuate in collaborazione con il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania.

Il parco sorgerà su terreni lasciati incolti nell’ultimo ventennio, sporadicamente utilizzati come pascolo, e produrrà nuova occupazione, con una ricaduta positiva sul territorio, nel rispetto delle peculiarità ambientali dell’area e dell’unicità di Scicli, città patrimonio dell’Unesco.

Per partecipare alla realizzazione e allo sviluppo del parco di Landolina e permettere ai cittadini sciclitani e siciliani di beneficiare di un investimento redditizio, sostenibile e sicuro, Falck Renewables ha lanciato la prima iniziativa di lending crowdfunding del programma “Coltiviamo energia”. La campagna si basa sull’esperienza del Gruppo, che da oltre quindici anni conduce con successo simili iniziative di condivisione di valore nel Regno Unito.

L’iniziativa avviata a Scicli si svilupperà attraverso un prestito remunerato, garantito da Falck Renewables, in modalità crowdfunding. Attraverso la piattaforma www.coltiviamoenergia.it sarà possibile per i singoli cittadini partecipare alla realizzazione e alla vita del parco con importi compresi tra 200 euro e 10mila euro e ricevere una remunerazione annuale sul prestito effettuato per la durata di 10 anni, con possibilità di recupero integrale del capitale versato anche in caso di uscita anticipata.

Gli abitanti di Scicli beneficeranno di un rendimento annuo lordo del 6% per le sottoscrizioni entro i primi dieci giorni di campagna, valore che passerà successivamente al 5%. Per i rimanenti abitanti della Regione, il valore fissato è al 5% per i primi dieci giorni di campagna, per passare successivamente al 4%.

Previous articleBasilea sceglie la tecnologia ABB per la ricarica di e-bus sostenibili
Next articlePrysmian conferma l’impegno verso l’eolico offshore negli Usa