Engie acquisisce il 40% della centrale solare sudafricana Xina Solar One

Dalla ripresa ufficiale del programma nazionale per la costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori indipendenti nell’Africa del Sud, gli annunci di transazioni e investimenti sono aumentati. Dopo Magnora, è il turno di Engie che annuncia un’acquisizione.

L’azienda energetica francese – riporta il sito agenceecofin.com – ha fatto un altro passo avanti nella sua strategia a basse emissioni di carbonio. Ha infatti acquisito una partecipazione del 40% nella centrale solare Xina Solar One in Sudafrica. La transazione include anche una partecipazione del 46% nella società incaricata di gestire e mantenere l’infrastruttura da 100 MW.

Con l’acquisizione di questo progetto, Engie continua a perseguire la sua strategia a basse emissioni di carbonio. Xina aumenta la capacità energetica disponibile del paese riducendo la sua dipendenza dal carbone. L’impianto solare a concentrazione da 100 MW contribuisce anche allo sviluppo dell’azienda aumentando la sua presenza in Sudafrica, dove è uno dei produttori indipendenti di energia con un portafoglio di 1.320 MW di capacità installata”, ha dichiarato Sebastien Arbola, direttore esecutivo di ENGIE MESCATA.

L’impianto ha un sistema di stoccaggio a sale fuso che gli permette di produrre elettricità per 5,5 ore dopo il tramonto. Fornisce abbastanza energia per rifornire 95.000 famiglie sudafricane e vende la sua produzione a Eskom sotto un accordo di acquisto di energia di 20 anni.

L’acquisizione di queste azioni fa parte della politica di Engie di ampliare la sua portata geografica, che spera di avere un maggiore impatto sui principali mercati mondiali delle energie rinnovabili. L’azienda è particolarmente interessata ai mercati che si stanno sviluppando o che hanno un alto potenziale con prospettive di crescita significative e quadri normativi stabili.

 

Previous articleVP Solar, al via la distribuzione in Italia dei moduli FV di TSC Solar Power
Next articleMobilità elettrica, ABB apre nuovo stabilmento in Toscana