Enel, primo posto nel Dow Jones Sustainability World Index

La leadership di Enel nella sostenibilità è stata riconosciuta con il primo posto nel Dow Jones Sustainability World Index (DJSI World) di quest’anno, un traguardo mai raggiunto nei 17 anni di presenza dell’azienda nell’indice.

Nel processo di selezione del DJSI World – riporta un comunicato della società – Enel si è distinta nella maggior parte dei 27 criteri valutati da SAM, la divisione globale di Standard & Poor che si occupa di ricerche sugli aspetti ambientali, sociali e di governance. Nello specifico, la società ha ottenuto un punteggio superiore a 90/100 in oltre il 70% dei criteri, tra i quali alcuni dei più significativi sono la strategia climatica e le opportunità di mercato, due criteri finalizzati a valutare la performance delle utility elettriche nel guidare la transizione verso un modello energetico a basse emissioni di CO2.

Il riconoscimento della nostra leadership mondiale in sostenibilità da parte di DJSI World rappresenta per noi un incentivo a continuare a migliorare le performance ambientali, sociali e di governance.” – ha dichiarato Francesco Starace, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel (nella foto). “La leadership di Enel nelle energie rinnovabili, nella digitalizzazione della rete e nelle soluzioni energetiche avanzate finalizzate alla decarbonizzazione di altri settori, come quello dei trasporti, rappresentano alcune delle principali best practice che hanno contribuito a questo riconoscimento. Con l’integrazione dell’innovazione e della sostenibilità all’interno delle prassi aziendali del Gruppo Enel stiamo attivamente guidando la transizione verso un modello a zero emissioni, proteggendo l’ambiente mondiale e creando al contempo valore di lungo periodo per i nostri stakeholder. Vorrei ringraziare tutte le persone che lavorano nel Gruppo Enel, è per merito loro che abbiamo raggiunto questo traguardo storico.

Enel ha ottenuto risultati eccellenti anche in altri criteri relativi alla valutazione della gestione aziendale responsabile, tra cui la gestione dei rischi e delle crisi, la politica e la gestione ambientale, l’efficienza ecologica delle operazioni, le questioni legate alle risorse idriche, i diritti umani, lo sviluppo del capitale umano e la trasparenza sulle performance sociali e ambientali.

 

Previous articleMobilità elettrica, a Milano in arrivo 100 autobus Solaris
Next articleSuperbonus 110%, Unicredit semplifica l’iter della richiesta