Efficienza energetica, Fire ed Evo rafforzano la collaborazione

Misurare ed analizzare il consumo di energia per determinare il risparmio raggiunto è da anni uno degli obiettivi di Fire (Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia) che, proprio per questo, sin dal 2014 coopera con l’organizzazione no profit EVO (Efficiency Valuation Organization). Grazie a questa collaborazione la Federazione ha introdotto in Italia il protocollo Ipmvp, che garantisce che i risparmi e l’impatto dei progetti di efficienza energetica e sostenibilità siano determinati attraverso un’appropriata misura e verifica (M&V), e ha dato vita ad una ampia comunità di professionisti certificati.

Ora la collaborazione con EVO – che ha la proprietà del protocollo Ipmvp, delle guide applicative e dei corsi – si rafforza e si adegua alle novità introdotte per rendere il protocollo e la sua applicazione sempre più efficaci, anche offrendo un maggiore supporto ai professionisti di settore, e adatti all’evoluzione del mercato dell’efficienza energetica. La certificazione Cmvp diventa Pmva (Analista di misurazione e verifica delle prestazioni), mantenendo le stesse caratteristiche; è, però, sviluppata e rilasciata direttamente da EVO e non più da un soggetto terzo.

Coloro che hanno una certificazione Cmvp (in corso di validità) possono convertirla gratuitamente in Pmva. Nei prossimi mesi, poi, il catalogo dei corsi di formazione si amplierà e sarà anche possibile conseguire la nuova certificazione Pmve (Esperto di misurazione e verifica delle prestazioni), dedicata agli esperti senior di M&V.

Il 7 marzo la Fire organizzerà un webinar ad accesso libero per illustrare le principali novità. Dal 2014 i corsi Fire/EVO sono stati seguiti in Italia da oltre 300 professionisti, di cui circa 250 si sono certificati. L’importanza della M&V oggi ha una valenza ancora più importante rispetto al passato poiché si lega strettamente anche agli obiettivi di sostenibilità (valutazione della riduzione dei consumi energetici, idrici, e delle emissioni climalteranti). Inoltre, grazie alla M&V si ha un concreto miglioramento nelle fasi di progettazione, gestione e manutenzione e, se richiesto, del finanziamento di progetti di efficienza energetica.

 

Previous articleFotovoltaico, Otovo annuncia round da 30 milioni
Next articleEnel X e Università Roma Tre lanciano l’Osservatorio Cibo ed Economia Circolare