Economia circolare: a Sesto San Giovanni nasce la Biopiattaforma

“Sensibile”, “resiliente” e “innovatrice”: questi i tre pilastri della strategia di sostenibilità del GruppoCap. Il gestore del servizio idrico della Città Metropolitana di Milano ha messo al centro del proprio piano industriale un vero e proprio green deal basato sul dialogo e la partecipazione degli stakeholder, sulla digitalizzazione e l’economia circolare.

Il progetto più importante di Cap, già avviato alle fine del 2019, è quello che prevede la trasformazione del termovalorizzatore di Sesto San Giovanni e del depuratore adiacente in una Biopiattaforma dedicata all’economia circolare. Progetto sviluppato con il supporto di Core, Consorzio Recupero Energetici.

L’ impianto sarà carbon neutral (a zero emissioni di CO2) e sarà caratterizzato da due linee produttive: la prima dedicata al trattamento dei fanghi derivanti dalla depurazione delle acque per la produzione di energia termica e fertilizzanti; la seconda di digestione anaerobica per il trattamento dei rifiuti umidi (la cosiddetta Forsu, Frazione Umida Organica) per la produzione di biometano.

È in programma, inoltre, anche uno studio per la realizzazione di una pista ciclo-pedonale che connetta le aree verdi e il nuovo parco a Nord dell’impianto Cap-Core con la pista ciclo-pedonale a Sud lungo il Naviglio della Martesana. Oltre all’aggiornamento dell’attuale isola ecologica comunale con l’obiettivo di recuperare degli spazi esterni a verde per garantire il transito del percorso ciclo-pedonale lungo la sponda est del Lambro.

Previous articleHonda investe in CATL, leader cinese per produzione di batterie al litio
Next articleTesla, al “Battery Day” di settembre la nuova batteria con anodi senza litio