Daze Plug, la ricarica per auto elettriche con connessione automatica

Andrea Daminelli e Giacomo Zenoni sono due ingegneri che hanno fondato la società Daze Technology nell’agosto 2016. Oggi il progetto ha generato un prodotto, Daze Plug, che nasce con l’idea di semplificare la ricarica delle auto elettriche.

Una piattaforma a pavimento che “sente” il veicolo posteggiato e che si connette automaticamente alla presa collocata sotto il pianale. Come riporta il sito specializzato vaielettrico.it, ci sono voluti due anni per sviluppare la soluzione e trasformarla nel prototipo funzionante presentato al CES di Las Vegas nel gennaio 2018. E un altro per metterlo a punto col supporto di BMW.

Oggi Daze lo sta adattando per la prima applicazione commerciale che riguarderà un modello di hypercar elettrica di una nota casa automobilistica italiana (non ancora svelata). Sarà un’applicazione rivoluzionaria perchè la nuova auto sportiva a batterie non avrà il tradizionale caricatore di bordo per la ricarica in corrente alternata, ma potrà essere caricata solo in corrente continua.

Vediamo il suo funzionamento nel video realizzato dalla società

Sedici secondi per l’aggancio e l’avvio automatico della ricarica, 6 secondi per lo sgancio a fine operazione, zero interventi dell’utente: questa soluzione, già ipotizzata da alcuni costruttori cinesi, consente di alleggerire le autovetture di alcune decine di chili.

«Riteniamo che nei prossimi anni molti costruttori di auto ad alte prestazioni smetteranno di dotare i loro modelli di on board charger» ha dichiarato a vaielettrico.it Andrea Daminelli motivando la scommessa di Daze. E non solo per risparmiare sul peso e sui costi. «Noi – ha aggiunto – pensiamo soprattutto all’ecosistema domestico, che ruoterà attorno a tre dispositivi accomunati dall’utilizzo della corrente continua: generazione fotovoltaica, accumulo statico di energia e auto elettrica. La ricarica in DC risponde all’esigenza di facilitare il dialogo dell’auto con la casa in proiezione V2H e V2G».

 

 

Previous articleDisneyland Paris, nuovo impianto FV per una svolta “green”
Next articleCertificazioni, nasce il nuovo laboratorio di prove del Gruppo TÜV Italia