zeroEmission Medieterranean 2024
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
HomeRinnovabiliCrédit Agricole Italia, 15 milioni di euro al Gruppo Morellato per incentivare...
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Crédit Agricole Italia, 15 milioni di euro al Gruppo Morellato per incentivare l’utilizzo delle rinnovabili

Crédit Agricole Italia ha erogato un finanziamento ESG KPI linked loan dell’importo complessivo di 15 milioni di euro a favore del Gruppo Morellato, tra i leader nella produzione e distribuzione di orologi e gioielli, con l’obiettivo di supportare uno sviluppo economico nel rispetto dell’ambiente e di rafforzare il legame con il territorio. In linea con la mission del Gruppo Crédit Agricole in Italia, che opera concretamente per accompagnare le imprese clienti nell’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili, la Società abbinerà al finanziamento un meccanismo di riduzione dello spread, connesso al raggiungimento progressivo di un duplice obiettivo ESG: sul piano ambientale, questo si tradurrà in un significativo aumento della percentuale di energia elettrica autoprodotta da fonti rinnovabili, sul totale dell’energia elettrica utilizzata, grazie all’entrata a regime della produzione di pannelli fotovoltaici, mentre sul piano sociale, prenderà piede una graduale stabilizzazione dei rapporti di lavoro, che vedranno un’importante crescita della percentuale di quelli a tempo indeterminato sul totale degli occupati in Italia.

Il Gruppo Morellato, guidato da Massimo Carraro insieme alla moglie Cristina de’ Stefani e al fratello Marco Carraro, nasce nel 1930 a Venezia ad opera di Giulio Morellato come laboratorio specializzato nella produzione di cinturini per orologi. Oggi la Società impiega più di 4.416 dipendenti nel mondo, di cui 1.565 in Italia, e presidia il mercato globale su canali wholesale & retail, con 620 punti vendita diretti in Italia, Francia e Germania. A riprova della sensibilità di Morellato alle tematiche ESG, dal 2021 sono stati inseriti indicatori di performance di sostenibilità nell’ambito dei contratti di finanziamento sottoscritti relativi sia ai marchi di proprietà Morellato come Sector No Limits, Philip Watch, Lucien Rochat, Live Diamond, OUI&ME, La Petite Story, Chronostar, Bluespirit, D’Amante, Joye, Cleor e Noellie, sia ai brand in licenza tra cui Chiara Ferragni, Maserati e Trussardi.

“Per Crédit Agricole Italia la sostenibilità rappresenta una componente fondamentale del modello di business, un volano di trasformazione e digitalizzazione, che si traduce nell’accompagnamento dei clienti verso un approvvigionamento energetico più attento all’ambiente, nel rispetto dei principi ESG – dichiara Marco Perocchi, Responsabile Direzione Banca d’Impresa di Crédit Agricole Italia. “L’operazione di finanziamento al Gruppo Morellato è un esempio concreto di come intendiamo agire in sinergia con il tessuto imprenditoriale del Paese, favorendo lo sviluppo di un’economia attenta all’ambiente ed inclusiva, a beneficio di tutti i territori”.

“Questo nuovo finanziamento di Crédit Agricole sosterrà l’impegno del Gruppo Morellato verso la sostenibilità. Un impegno concreto che ha portato il Gruppo a pubblicare il secondo Bilancio di Sostenibilità con la volontà di condividere le best practice e le azioni messe in campo. Dalle importanti misure per la riduzione dell’impatto ambientale quali: la realizzazione dell’impianto fotovoltaico presso la sede, la dotazione di illuminazione a LED di tutti i negozi, l’incentivazione del riutilizzo di metalli e altre materie prime in un’ottica di economia circolare, il lancio di brand interamente sostenibili, fino alle attività dedicate alla crescita e alla formazione del personale”, afferma Cristina de’ Stefani, CEO Finance & Corporate Affairs Morellato Group.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati