Condominio e Superbonus 110%, Agenzia delle Entrate annuncia chiarimenti

Il Superbonus 110% continua a suscitare interrogativi e dubbi interpretativi. In audizione alla Camera, di fronte alla commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, ha annunciato una nuova circolare mirata a chiarire alcuni aspetti applicativi del bonus. «La circolare uscirà a breve – ha dichiarato Ernesto Maria Ruffini – e riporterà anche gli aspetti trattati nel corso di questa audizione».

Tra i chiarimenti forniti da Ruffini c’è quello relativo a che cosa si intende – in questo contesto – per “condominio”. Per il direttore dell’Agenzia delle Entrate, non è possibile fruire del Superbonus “se l’unico proprietario di tutte le unità immobiliari di un edificio concede in locazione o in comodato tutte o alcune delle unità immobiliari a più soggetti (detentori)». In questo caso non si costituisce un “condominio”: «Ai fini della costituzione del condominio – ha specificato Ruffini – risulta irrilevante la mera detenzione degli immobili costituenti un edificio, essendo, invece, necessario avere riguardo alla proprietà degli stessi”.

Se invece le unità immobiliari di un edificio appartenenti a diversi proprietari sono concesse in locazione o in comodato ad un unico soggetto (detentore), restando ferma la costituzione del condominio, è possibile fruire del Superbonus”, ha chiosato Ruffini, precisando che “le stime di copertura della misura hanno tenuto conto di questa lettura della norma“.

Ruffini, infine, ha ricordato che, tenuto conto della complessità delle disposizioni recate dall’articolo 119 del Decreto Rilancio, sul sito dell’Agenzia delle entrate è stata inserita un’apposita area tematica dedicata al Superbonus.