Cite, stop a nuove auto a motore termico entro il 2035 anche in Italia

Entro il 2035 le automobili con motore endotermico saranno fuori legge anche in Italia. Siano esse a benzina, diesel o ibride. La scelta ricalca l’indicazione più stringente che arriva dall’Unione europea. Rinviato di cinque anni, dal 2035 al 2040, lo stop alle vendite dei furgoni e dei veicoli commerciali leggeri rispetto alle ipotesi della Ue. L’Italia sembra pronta ad allinearsi ai tempi che vuole l’Europa, anche se dopo 24 ore dalla decisione emergono già i primi distinguo, soprattutto da parte del ministero allo Sviluppo Economico che chiede un approccio “meno tranchant sul tema, sia per le date sia per i tipi di alimentazione“.

La decisione è stata formalizzata durante una riunione del Cite – il Comitato interministeriale per la transizione ecologica – di cui fanno parte i ministri delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile Enrico Giovannini, dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e della Transizione ecologica Roberto Cingolani. “Il phase out delle automobili nuove con motore a combustione interna dovrà avvenire entro il 2035, mentre per i furgoni e i veicoli da trasporto commerciale leggeri entro il 2040“, rende noto con un comunicato il ministero alla Transizione ecologica.

In tale percorso – prosegue la nota – occorre mettere in campo tutte le soluzioni funzionali alla decarbonizzazione dei trasporti in una logica di “neutralità tecnologica”, valorizzando, pertanto, non solo i veicoli elettrici, ma anche le potenzialità dell’idrogeno, nonché riconoscendo – per la transizione – il ruolo imprescindibile dei biocarburanti, in cui l’Italia sta costruendo una filiera domestica all’avanguardia“.

 

Previous articleOlanda, attivo il parco eolico in acqua dolce più grande del mondo
Next articleErg, acquisiti in Spagna due impianti fotovoltaici