E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
HomeColonnine di ricaricaCattaneo (Enel): “Servono più colonnine di ricarica, in autostrada e aree con...
SMART GLASS FORUM 2024 | 8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE
zeroEmission Medieterranean 2024
E-CHARGE | 7-8 MAY 2024 - BOLOGNAFIERE

Cattaneo (Enel): “Servono più colonnine di ricarica, in autostrada e aree con servizi aggiuntivi”

Ricarica delle auto elettriche, adeguata rete di distribuzione e, soprattutto, ubicazione delle nuove colonnine di ricarica da installare. Sono stati questi i punti centrali del discorso sullo stato della mobilità elettrica di Flavio Cattaneo, amministratore delegato di Enel, alla rassegna Como Lake 2023 in corso a Cernobbio.

Quando si compra un’auto elettrica una delle paure è di non avere a disposizione una adeguata rete di distribuzione e ricarica” l’incipit del dirigente, che è passato poi a sottolineare alcune criticità relative all’infrastruttura di ricarica.

Per le auto elettriche, c’e’ un problema di charging point, quindi di punti di ricarica, laddove questi servono. In questi anni abbiamo messo montagne di torrette dove i comuni davano le autorizzazioni e non sempre corrispondevano ai luoghi necessari per ricaricare l’auto. Serve un nuovo sforzo, essenzialmente, a nostro parere, sulle autostrade”.

Un altro grande problema evidenziato dal manager italiano riguarda il posizionamento delle colonnine. L’orientamento, messo nero su bianco anche dal recente Regolamento Europeo, è quello di concentrare i punti di ricarica in aree di sosta pre-esistenti, ma è sempre più comune vedere colonnine di ricarica situate in zone deserte o scarsamente servite.

Ho alcune perplessità rispetto alle notizie che parlano della realizzazione di aree nuove per la ricarica di mezzi elettriche, perché è difficile e poco invogliante rimanere ad aspettare anche solo venti minuti per la ricarica veloce in aree senza i servizi accessori che si hanno nelle stazioni di rifornimento” dichiara Cattaneo.

Per questo motivo i punti di ricarica per i mezzi elettrici dovrebbero essere realizzati nelle aree dove esistono già questi servizi. Lo abbiamo detto all’authority dei trasporti e al gestore delle autostrade, perché questo è un elemento essenziale per invogliare l’acquisto”.

In chiusura il manager annuncia uno sforzo congiunto con partner finanziari per fornire dei cosiddetti bundle d’acquisto, capaci di abbassare sensibilmente il prezzo di un’auto elettrica. Il dirigente, però, non ha fornito ulteriori spiegazioni su tipologia e funzionamento di questa iniziativa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra community e ricevi, ogni giorno, tutte le ultime novità del settore!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Articoli correlati