Car sharing: completato il processo di fusione tra car2go e DriveNow

Il passo finale e decisivo nel processo di fusione tra DriveNow e car2go è terminato: dal  21 gennaio, tutti i veicoli BMW e MINI sono disponibili e prenotabili sull’app SHARE NOW, dove sono già presenti i modelli smart (ex flotta car2go). I 700.000 clienti SHARE NOW, risultanti dalla fusione, potranno quindi noleggiare da un’unica piattaforma un totale di 3.000 vetture in Italia. Lo riporta un comunicato della app.

Dopo l’Austria e la Germania, siamo molto felici di poter annunciare anche per l’Italia la conclusione del processo di fusione tra DriveNow e car2go. L’integrazione è avvenuta con grande successo e siamo convinti che tutti i nostri clienti beneficeranno di un’esperienza di viaggio ancora migliore. Grazie alla fusione, infatti, saremo in grado di fornire un’offerta più ampia, sia in termini di maggior varietà di modelli, sia per la maggior disponibilità di veicoli.” – afferma Olivier Reppert, CEO di SHARE NOW.

Il cambiamento più importante avrà effetto per i clienti di Milano, unica location italiana in cui sia car2go che DriveNow hanno finora operato distintamente: da oggi, infatti, le flotte di entrambi i servizi sono stati unificati e resi disponibili esclusivamente sull’app SHARE NOW. In totale, in Italia, i clienti SHARE NOW avranno a disposizione 3.000 veicoli così ripartiti: circa 1.700 a Milano (200 BMW, 200 MINI e MINI cabrio, 1.300 smart fortwo, forfour e fortwo cabrio), circa 800 a Roma (smart fortwo, forfour e fortwo cabrio) e circa 500 a Torino (smart fortwo, forfour e fortwo cabrio).

In tutte le location in cui car2go e DriveNow erano precedentemente disponibili, le aree di business dei due servizi sono state armonizzate. Ad esempio, a Milano, SHARE NOW ha adottato l’ex area operativa di DriveNow di 123 km2, che era più estesa rispetto a quella di car2go (+ 7%).

I clienti, precedentemente registrati al solo servizio di DriveNow, potranno visualizzare via app il link attraverso cui scaricare l’App SHARE NOW e trasferire il proprio precedente account gratuitamente sulla nuova piattaforma. I clienti potranno accedere alla nuova App utilizzando i dati di accesso dell’account DriveNow. Non sarà dunque richiesta una nuova registrazione. Eventuali crediti personali o aziendali saranno trasferiti automaticamente all’account SHARE NOW. Con la migrazione dei clienti e della flotta DriveNow in SHARE NOW, la precedente App DriveNow cesserà di essere operativa a partire dal 21 gennaio.

Con la fusione dei servizi, anche il tariffario è stato armonizzato. La “flex fee” adottata per gli ex veicoli car2go, che permette di offrire un prezzo intelligente in base all’orario e alla zona del noleggio, verrà introdotta anche per i veicoli BMW e MINI. Non sarà più attiva la tariffa “sosta” finora impiegata da DriveNow. Anche le tariffe per il rilascio del veicolo presso gli aeroporti di Malpensa, Linate, Fiumicino e Caselle subiranno leggere variazioni.

Previous articleAl via i seminari online sulla direttiva UE per la tutela ambientale e climatica
Next articleForum Davos, l’auspicio del Direttore scientifico di Kyoto Club