BYD presenta la “batteria a lama” resistente al fuoco

Con i veicoli elettrici  che guadagnano quote di mercato di giorno in giorno, la sicurezza antincendio è una preoccupazione sempre più importante in quanto le batterie agli ioni di litio che li alimentano possono diventare potenzialmente instabili e persino accendersi in determinate circostanze.

Nel corso di un evento online, BYD, importante produttore cinese di veicoli elettrici, ha presentato il suo ultimo traguardo tecnologico: Blade Battery, la “batteria a lama”. A supporto del lancio, un video ha mostrato come la batteria abbia superato con successo la prova di penetrazione dei chiodi, che è visto come il modo più rigoroso per testare la fuga termica delle batterie a causa della sua estrema difficoltà.

La Blade Battery non ha emesso né fumo, né fuoco dopo essere stata penetrata, e la sua temperatura superficiale ha raggiunto solo i 30-60°C. Nelle stesse condizioni, una batteria al litio tradizionale avrebbe superato i 500°C e bruciato violentemente; mentre una batteria convenzionale LFP non avrebbe emesso apertamente fiamme o fumo, ma la sua temperatura superficiale avrebbe raggiunto temperature pericolose tra i 200 e i 400°C.

Ciò implica che i veicoli elettrici equipaggiati con la “batteria a lama” sarebbero molto meno suscettibili di prendere fuoco – anche se gravemente danneggiati.

La batteria a lama è stata sviluppata da BYD negli ultimi anni. Le singole celle sono disposte insieme in schiera e quindi inserite in un pacco batteria. Grazie alla struttura ottimizzata del pacco batteria, l’utilizzo dello spazio del pacco batteria è aumentato di oltre il 50% rispetto alle tradizionali batterie al litio ferro fosfato.

La batteria lama ha anche superato altre condizioni estreme di prova, come essere schiacciata, piegata, riscaldata in un forno a 300 °C e sovraccarica del 260%. Nessuno di questi ha provocato un incendio o un’esplosione.

 

 

 

Previous articleLONGi, partnership con Senergia per il mercato del nord Europa
Next articlePrysmian Group e Terna, nuovi sistemi in cavo per trasmissione di energia