Bonus fotovoltaico per il condominio, tutti gli aggiornamenti normativi

Nella Legge di Bilancio 2022 il governo ha prorogato quasi tutti i bonus edilizi per la casa che avevano contraddistinto il 2021 e che mirano ad incentivare la transizione ecologica con interventi di efficientamento energetico. Ecco dunque che anche nel 2022 sono state previste delle detrazioni fiscali che agevolano l’acquisto e la ristrutturazione edilizia degli immobili abitativi. La necessità di un passaggio tempestivo a nuovi fonti energetiche – riporta un comunicato istituzionale – appare ancora più necessaria se si guarda al prezzo medio, decisamente alto, delle ultime bollette di luce e gas. In tale ottica grande attenzione è rivolta agli impianti fotovoltaici per i condominio, il cui bonus è stato prolungato.

Entrando nel dettaglio, chi ha intenzione di installare dei pannelli fotovoltaici può usufruire di due possibilità di detrazione, vale a dire il bonus ristrutturazione e il superbonus 110%. In quest’ultimo caso si potrà recuperare il 110% dell’investimento in 5 anni, ma la sola installazione del fotovoltaico non sarà sufficiente ai fini dell’ottenimento del bonus che prevede che vengano poste in atto anche altre opere di efficientamento energetico sull’immobile. C’è dunque una divisione tra lavori trainanti, quali ad esempio l’isolamento termico delle superfici verticali, inclinate ed orizzontali per il 25% totale dell’edificio, e trainati, come l’installazione dei pannelli fotovoltaici. Attenzione massima, ai fini dell’ottenimento dell’incentivo, va riservato poi alle date per la presentazione della domanda. La richiesta di superbonus 110% può essere effettuata per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 su villette unifamiliari o unità indipendenti, ma sarà anche necessario dimostrare di avere ultimato almeno il 30% dei lavori entro giugno 2022. Tale date viene prorogata al 31 dicembre 2025 nel caso di condomini o edifici composti da 2 o 4 unità intestate alla stessa persona. Appare evidente dunque che ad una maggiore detrazione garantita dal superbonus 110% corrispondano anche dei requisiti e delle scadenze molto strette.

Nel caso del bonus ristrutturazione, invece, lo sconto che si recupera in 10 anni nella dichiarazione dei redditi è del 50%. Le tempistiche sono molto meno serrate rispetto al superbonus 110%, visto che l’incentivo per l’installazione di un impianto fotovoltaico è stato prorogato fino al 2024. L’incentivo copre sia l’installazione dei pannelli solari che la fornitura per un totale massimo di spesa di 96mila euro. La spesa sostenuta per l’impianto fotovoltaico andrà comunicata entro 90 giorni dalla fine dei lavori all’Enea e il pagamento dovrà risultare essere stato effettuato con bonifico parlante.

Previous articleFlash Battery chiude il 2021 a 17,3 milioni (+25%)
Next articleGruppo Enel, 210 mld entro il 2030 per la decarbonizzazione