BayWa r.e., a Inverclyde il primo parco eolico del Regno Unito senza sovvenzioni

La multinazionale tedesca BayWa r.e. ha comunicato il completamento di Inverclyde Windfar, il primo parco eolico senza sovvenzioni del Regno Unito. E la succesiva vendita dell’impianto a James Jones & Sons Ltd – il più grande e diversificato trasformatore di legname a conduzione familiare del Regno Unito – e al gestore patrimoniale specializzato con sede a Londra, Gresham House Asset Management.

Situato a Inverclyde, a sud di Greenock e ad ovest di Port Glasgo, il sito è composto da otto turbine eoliche e ha una capacità totale di 24 MW. L’energia pulita prodotta da questo parco eolico eviterà l’emissione in atmosfera di oltre 18.000 tonnellate di CO2 all’anno.

John Milligan, amministratore delegato di BayWa r.e. nel Regno Unito ha commentato: “Ciò che è così significativo di questo parco eolico è che genererà elettricità verde a prezzi di mercato senza sovvenzioni governative. L’energia rinnovabile sta rapidamente diventando la fonte più economica di qualsiasi altra forma di nuova generazione di energia e noi prevediamo molti altri progetti in arrivo nei prossimi anni. Stiamo anche assistendo a un fenomeno dove più aziende acquistano elettricità da fonti rinnovabili, il che è positivo per loro, per la nostra società e per il nostro pianeta. Essendo il primo parco eolico senza sovvenzioni nel Regno Unito, rappresenta una pietra miliare nella transizione rinnovabile globale, che deve proseguire a un ritmo molto maggiore se vogliamo evitare gli effetti più catastrofici del cambiamento climatico “.

Wayne Cranstone, Investment Director di Gresham House Asset Management, ha dichiarato: “L’acquisizione del nostro primo parco eolico senza sovvenzioni con un accordo di acquisto di energia (PPA) aziendale a lungo termine è un grande risultato e, si spera, sarà il primo di molti se vogliamo aiutare il paese a raggiungere il suo obiettivo di zero emissioni di carbonio “.

Tom Bruce-Jones, Presidente di James Jones & Sons Ltd ha dichiarato: “La “James Jones & Sons” è lieta di aver finanziato questa acquisizione. Migliorare il nostro impatto ambientale è sempre stato una parte fondamentale dell’etica e della strategia del nostro Gruppo. Siamo stati in prima linea nell’innovazione per quanto riguarda tutte le questioni ambientali per diversi anni e abbiamo sperimentato una serie di processi e sistemi innovativi per ridurre le nostre emissioni di carbonio. Questa transazione rafforza le nostre relazioni commerciali e di investimento con Gresham House e saremo il socio accomodante iniziale nel nuovo fondo“.

 

Previous articleAgenzia delle Entrate, Superbonus solo al 50% per abitazioni adibite ad attività d’impresa
Next articleClimate Change Index: Italia 27esima, molto male gli USA di Trump