Batterie al litio: Kaitek cambia ragione sociale in Flash Battery

Stabilimento 5 volte maggiore di quello attuale per la produzione delle batterie al litio, dipendenti ancora in crescita e nuova alleanza sul mercato francese: “Flash Battery” non sarà più soltanto il marchio commerciale, ma diventerà il nuovo nome di Kaitek srl, una tra le società leader nella produzione di batterie al litio per macchine industriali e veicoli elettrici.

Il cambio della ragione sociale – avvenuto il 1° agosto come segnala il comunicato diffuso dalla società – ha proceduto di poche ore il trasferimento dell’azienda da Calerno alla nuova sede legale di via XXV Aprile, a Sant’Ilario d’Enza, dove Flash Battery svilupperà l’attività nello stabilimento realizzato su un’area 20.000 mq, con 1.500 mq di uffici e 3.200 di area produttiva, con possibilità di espansione per ulteriori 5.000 mq.

La nuova denominazione mira sostanzialmente a rafforzare l’identità della nostra impresa, evidenziando con immediatezza non solo il suo segmento d’attività, ma anche una delle principali caratteristiche dei nostri prodotti, cioè quella velocità di ricarica che rappresenta un fattore di competitività essenziale tanto per l’industria dei veicoli elettrici quanto per quella significativa parte di manifattura che sta progressivamente convertendo all’elettrico l’attività produttiva” spiega Marco Righi, CEO dell’azienda reggiana che in otto anni di attività si è portata ai vertici del settore, con 14 milioni di fatturato, 56 dipendenti ed esportazioni nei Paesi più industrializzati del mondo

Nel nuovo stabilimento di Sant’Ilario d’Enza, che è 5 volte più grande di quello attuale, si concentreranno tutte le attività di Flash Battery, che dalla posa della prima pietra, avvenuta meno di un anno fa, ha portato da 45 a 56 il numero dei dipendenti, con 8 degli 11 nuovi ingressi avvenuti nel primo semestre 2020, in piena emergenza Covid.

Gli effetti della pandemia – spiega Righi – hanno rallentato leggermente l’attività produttiva, ma hanno non fermato i percorsi di ampliamento e rafforzamento che abbiamo messo in atto nelle aree ricerca e sviluppo, progettazione, marketing e progetti internazionali innovativi, cui si riferiscono, in misura rilevante, le nuove figure professionali inserite nel primo semestre e le ulteriori 5 che entreranno entro il 2020, portando l’occupazione a oltre 60 unità”.

I nuovi ingressi, peraltro, non hanno modificato una delle peculiarità (età media dei lavoratori pari a 33 anni) che sono valse alla Flash Battery due edizioni (2019 e 2020) del premio quale miglior impresa under 40 della regione Emilia-Romagna.

Lavoriamo in un settore – prosegue Righi – in cui la crescita va di pari passo con la capacità di innovazione, ed è evidente che gli stretti rapporti di collaborazione con diversi istituti tecnici e l’Università di Modena e Reggio Emilia (in particolare i dipartimenti ingegneristici) ci consentono di portare in azienda soprattutto ragazzi giovani, che già durante il percorso di studi hanno modo di confrontarsi con la nostra realtà produttiva e di misurarsi con le nostre attese in termini di competenze e passione”.

Alla vigilia del trasferimento nella nuova sede, l’azienda reggiana ha tra l’altro siglato un importante accordo con Efa France, leader europeo nelle tecnologie per l’elettrificazione.

E’ una partnership – osserva Righi – all’insegna dell’innovazione e orientata ad un mercato, come quello transalpino, che presenta molte possibilità di espansione perché particolarmente sensibile al tema dell’elettrificazione, così come quello tedesco; non a caso proprio Francia e Germania sono i mercati esteri sui quali stiamo investendo maggiormente”.

Previous articleEnel, nel primo semestre 2020 l’energia da fonti rinnovabili supera quella termoelettrica
Next articleFIMER alimenta comunità energetica in Finlandia