Anche il FV e le colonnine per la ricarica auto nel bonus 80% per il turismo

Il Governo, con una nota del Ministero del Turismo, ha comunicato di aver inserito tra le spese ammissibili per usufruire del credito d’imposta, o del contributo a fondo perduto a favore delle strutture ricettive, l’installazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica – posizionati presso attività turistiche, hotel e case vacanza – e l’installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici, destinate a uso esclusivo della struttura turistica.

Il bonus per gli interventi di efficientamento energetico, in particolare l’installazione di pannelli fotovoltaici e colonnine di ricarica elettrica, è una delle misure introdotte per risollevare uno dei settori maggiormente colpiti dalla crisi economica dovuta alla pandemia e nello stesso tempo portare aventi progetti virtuosi di transazione ecologica.

Ne possono beneficiarne tutte le categorie turistiche: alberghi, agriturismi, strutture ricettive all’aria aperta, imprese del comparto turistico a scopo ricreativo, fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, complessi termali, parchi acquatici e faunistici, b&b e case vacanza.

L’agevolazione trova applicabilità grazie ai fondi del Pnrr destinati al turismo. L’incentivo economico può arriva in forme differenti: può essere erogato come credito d’imposta fino all’80% delle spese ammissibili, oppure come contributo a fondo perduto per un massimo di 40mila euro.

 

Previous articleIl vetro fotovoltaico di Glass to Power quotato alla Borsa di Parigi
Next articleCina annuncia produzione di energia rinnovabile nel deserto del Gobi