AMARES, nasce la prima Comunità Energetica del Molise

Con la costituzione di AMARES, il Gruppo Amaranto e la Cooperativa Ares hanno avviato la prima iniziativa molisana per la costituzione di una Comunità Energetica Rinnovabile (CER).

AMARES è un’associazione senza scopo di lucro, creata per fornire benefici all’ambiente e contribuire a mitigare i costi energetici delle aziende che ne prendono parte. Con la sua costituzione – si legge in una nota – il Gruppo Amaranto ed Ares hanno voluto dare un contributo “green” alle imprese molisane, mettendo a disposizione il know della prima nel settore delle energie rinnovabili e l’esperienza della cooperativa nella promozione di iniziative “no profit” ad alto valore aggiunto.

I soggetti aderenti alla CER potranno condividere e sfruttare l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico posto a servizio di AMARES che è in corso di ultimazione e sarà connesso alla rete elettrica in poche settimane. “AMARES è un soggetto aperto al quale potranno aderire anche altre aziende della zona industriale di Campobasso“, si legge in una nota.

Le comunità energetiche rinnovabili – ha dichiarato Gianfranco Gagliardi (nella foto), presidente di AMARES e Ceo di Silver Ridge Power Italia – rappresentano un modello innovativo di produzione e consumo dell’energia elettrica prodotta da fonti di energia rinnovabili. Proseguiremo nella divulgazione delle opportunità – ha aggiunto – cercando di avvicinare sempre più utenti alla produzione e al consumo di energia rinnovabile e amica dell’ambiente“.

Da sempre attenti all’innovazione sociale – le parole di Paola Pietrangelo (nella foto), presidente della Cooperativa Ares – cercavamo da tempo un partner con cui lanciarci anche nella sostenibilità ambientale. Lo abbiamo trovato nel gruppo Amaranto. Lo sviluppo di un territorio dipende dalla capacità di fare squadra, di crescere insieme, di tutelare i beni comuni e il bene comune. La comunità energetica è un modo concreto di accelerare il passaggio dall’economia lineare a quella circolare, da un principio di concorrenza ad uno di cooperazione. Ben vengano altre adesioni alla nostra rete di energia pulita”.

Previous articleDecreto FER2, la bocciatura del Coordinamento FREE
Next articleSuzuki investe oltre 1 miliardo di euro nelle auto elettriche