Alperia, accordo con Power Ledger per scambio di energia tra privati

Alperia – società italiana produttrice di energia elettrica da fonti rinnovabili – ha comunicato la firma di un accordo con la start-up tecnologica australiana Power Ledger. L’agreement è finalizzato a esplorare la fornitura di una serie di servizi alla clientela della stessa Alperia, tra cui il commercio e il monitoraggio dell’energia.

Power Ledger realizza software per gli scambi peer-to-peer e per tracciare le catene di fornitura, il tutto su tecnologia blockchain. L’accordo – riporta il comunicato di Alperia – prevede l’applicazione pratica di questi principi su alcuni aspetti legati alle forniture di energia. La piattaforma dell’azienda australiana consente a famiglie e imprese di scambiare con i vicini – reali o virtuali – l’energia in eccesso generata dai propri impianti fotovoltaici e stoccata nei propri sistemi di accumulo, tracciando, monitorando e registrando tutto su una blockchain privata, per accedere alla quale c’è ovviamente bisogno di un permesso.

La tecnologia di trading peer-to-peer di Power Ledger potrebbe mettere i nostri clienti alla plancia di comando e dare loro la possibilità non solo di proteggere il proprio investimento, ma anche di massimizzare il loro contributo ad un futuro senza emissioni di carbonio”, ha dichiarato Anna Lena Hörter, Innovation Manager e Project Lead di Alperia.

Da gennaio sono iniziati, e continueranno fino a maggio 2020, dei test in alcuni siti di prova, per incorporare la tecnologia di Power Ledger nei contatori intelligenti di Alperia. A conclusione della fase-test, Alperia potrà ampliare l’offerta di Power Ledger ad una parte più ampia della sua clientela.

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous articleGiappone, partito il primo sottomarino alimentato da batterie agli ioni di litio
Next articleMobilità sostenibile: a Roma le nuove ciclabili con i “green graffiti” di Jungle