A Torino il progetto pilota ‘Il Po d’aMare’ di Iren e Amiat

Torino avvia la sperimentazione – la prima all’interno di una città – del progetto ‘Il Po d’aMare’: barriere galleggianti consentiranno di raccogliere le plastiche e gli altri rifiuti galleggianti trasportati dal fiume (lo riporta oggi l’agenzia Ansa). Obiettivo è intercettarli prima che arrivino al mare e monitorare di che tipo di rifiuti si tratti. Il progetto pilota, voluto da Iren e Amiat, è stato predisposto da Fondazione per lo sviluppo sostenibile, Consorzio Castalia e Corepla, con il coordinamento dell’Autorità del bacino distrettuale del fiume Po, il patrocinio del ministero dell’Ambiente, dell’Aipo e la collaborazione della Città di Torino.

L’80% dei rifiuti in mare deriva dalla terraferma. Questo progetto ci permette di capire quanti rifiuti in particolare plastici sono trasportato dal Po e fare attività di prevenzione“, spiega Andrea Barbabella di Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. “Iren – sottolinea il presidente Renato Boero – crede nella sperimentazione di soluzioni innovative per la salvaguardia ambientale. È anche una straordinaria occasione di sensibilizzazione verso la popolazione“. “Una corretta gestione dei rifiuti a terra è il gesto più importante per preservare i mari“, aggiunge il presidente Corepla, Antonello Ciotti.

Le barriere sono posizionate in zona Murazzi, in prossimità del centro storico, fra i ponti Vittorio Emanuele I e Umberto I.

Le modalità di intercettazione e raccolta dei rifiuti previste dal progetto torinese sono a cura della società Castalia Operations nell’ambito del progetto Seasweeper. Il sistema è composto da due moduli progettati per restare posizionati fino a dicembre 2019. Le barriere non interferiscono con la flora e la fauna del fiume.

Tramite un’imbarcazione ‘Sea hunter’ e operatori da terra, i rifiuti verranno raccolti in appositi cassoni gestiti da Amiat, che conferirà le plastiche presso un impianto Corepla che si occuperà della successiva valorizzazione dei materiali.

Previous articleRiparte da Lamezia Terme l’Efficiency Tour del Gruppo Suncity
Next articleIberdrola: parte anche in Italia il servizio per un consumo consapevole di energia