Ue, aiuti per 3,2 mld a maxi progetto ricerca batterie

La Commissione Ue ha approvato un importante progetto di comune interesse europeo (Ipcei), notificato congiuntamente da Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Polonia e Svezia per sostenere la ricerca e l’innovazione nel settore prioritario comune europeo delle batterie.

Per l’Italia parteciperanno al progetto Solvay, Endurance, FAAM, Kaitek, Enel X. Tra i gruppi stranieri sono in corsa, tra gli altri, Basf, Bmw e Varta per la Germania, Acc per la Francia,  Eneris per la Polonia.

I sette Stati membri forniranno nei prossimi anni fino a circa 3,2 miliardi di euro di finanziamenti per questo progetto, che dovrebbe sbloccare ulteriori 5 miliardi di euro di investimenti privati. Il completamento del progetto complessivo è previsto per il 2031 (con scadenze diverse). In particolare, il Belgio ha chiesto l’autorizzazione a concedere sovvenzioni fino a circa 80 milioni di euro; la Finlandia fino a circa 30 milioni di euro; la Francia fino a circa 960 milioni di euro; la Germania fino a circa 1,25 miliardi di euro; l’Italia fino a circa 570 milioni di euro; la Polonia fino a circa 240 milioni di euro e la Svezia fino a circa 50 milioni di euro.

Una quota significativa degli utili supplementari realizzati dai partecipanti sarà condivisa attraverso un meccanismo di recupero. In altre parole, se i progetti avranno successo, generando entrate nette superiori alle previsioni, le società restituiranno una parte del denaro dei contribuenti ricevuto ai rispettivi Stati membri.

 

 

Previous articleSUNLIGHT entra nel mercato statunitense delle batterie
Next articlePannelli fotovoltaici, l’accordo tra Renolit e EDF ENR