Terna, certificazione LEED Platinum per la ristrutturazione ecosostenibile di una palazzina

Terna ha ottenuto la certificazione Leed Platinum per la ristrutturazione, secondo i più avanzati criteri di sostenibilità, di una palazzina risalente agli anni ’60, situata nella Riserva Naturale della Marcigliana a Roma e oggi adibita a uso uffici. La certificazione Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) è un protocollo americano, sviluppato dallo U.S. Green Building Council (USGBC), che disciplina un’elevato standard di valutazione del grado di sostenibilità ambientale delle costruzioni.

La Leed Platinum deriva da un articolato sistema di punteggi che valuta, per vari ambiti, l’intero ciclo di vita del progetto di riqualificazione secondo il principio “from cradle to grave” (“dalla culla alla tomba”). Tra i principali driver valutati, si trovano il risparmio energetico e idrico, la riduzione delle emissioni di CO2 e l’eco-compatibilità dei materiali.

In particolare, il progetto di ristrutturazione della sede dell’Unità Impianti Lazio Centro-Sud del gestore della rete elettrica nazionale è durato tre anni e ha previsto, tra le diverse soluzioni eco-sostenibili: lo sfruttamento dell’energia rinnovabile, grazie all’istallazione di pannelli fotovoltaici, e dell’energia geotermica proveniente dal terreno; la riduzione del consumo idrico, tramite un sistema di recupero dell’acqua piovana; la massima qualità dell’aria e della temperatura interna dell’edificio, grazie al cappotto termico e alla facciata ventilata in cotto altamente performante. La struttura portante, inoltre, è stata migliorata nella risposta sismica. Anche l’area esterna all’edificio è stata riqualificata attraverso la creazione di un’ampia zona relax, la messa a dimora di piante autoctone, che non necessitano di irrigazione perpetua, e la piantumazione di un frutteto per la produzione alimentare in loco.

 

 

Previous articleTavares: “Stellantis produrrà 12 auto elettriche in Francia”
Next articleEnel, intesa con Fratello Sole per contrastare la povertà energetica