Terna: a novembre calo dei consumi elettrici e industriali

Consumi di energia elettrica in calo a novembre. Secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale, nel mese scorso la domanda di elettricità nel nostro Paese è stata pari complessivamente a 25 miliardi di kWh, un valore in diminuzione del 5,4% rispetto allo stesso periodo del 2021. Nei primi undici mesi del 2022, la richiesta di energia elettrica in Italia è sostanzialmente in linea con i valori del 2021 (-0,8% il dato rettificato).

Nel dettaglio, novembre ha avuto lo stesso numero di giorni lavorativi (21) e una temperatura media mensile superiore di circa 0,3°C rispetto a novembre del 2021. Il dato della domanda elettrica, destagionalizzato e corretto dall’effetto della temperatura, risultata in calo del 5,2%. A livello territoriale, la variazione tendenziale negativa di novembre è risultata uniforme in tutte le aree del Paese (Nord, Centro, Sud e isole). In termini congiunturali, il valore della richiesta elettrica di novembre, destagionalizzato e corretto dall’effetto temperatura, risulta in aumento dello 0,9% rispetto a ottobre 2022.

Nel mese di novembre 2022 la domanda di energia elettrica italiana è stata soddisfatta per l’83,1% con la produzione nazionale e per la quota restante (16,9%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. La produzione nazionale netta è risultata pari a 21 miliardi di kWh, in diminuzione del 14,5% rispetto a novembre 2021. Le fonti rinnovabili hanno prodotto complessivamente 7,3 miliardi di kWh, coprendo il 29,3% della domanda elettrica (contro il 27,7% del novembre 2021), con le seguenti variazioni rispetto a novembre dello scorso anno: fotovoltaico +31%, eolico +12,2%, idrico -18,8% e geotermico -1,3%.

In particolare, il 22 novembre 2022, in una settimana caratterizzata da elevata ventosità, è stata registrata la giornata con la maggior produzione eolica dal 2018. La produzione delle fonti rinnovabili è stata così suddivisa nel mese di novembre: 30,8% idrico, 26,3% eolico, 20,3% biomasse, 16,6% fotovoltaico e 6% geotermico. In forte calo la produzione di energia termica (-18,9%), mentre il saldo import-export ha visto una variazione complessiva pari a +93,8%, dovuta a una diminuzione dell’export (-40,9%) e una crescita dell’import (+65,7%).

L’indice IMCEI elaborato da Terna, che prende in esame i consumi industriali delle imprese cosiddette ‘energivore’, registra una flessione del 7,6% rispetto a novembre 2021. Positiva la variazione dei comparti della chimica, dei mezzi di trasporto e degli alimentari, in flessione tutti gli altri settori. In termini congiunturali, la variazione dell’indice risulta in flessione dell’1,7% rispetto a ottobre.

Servizio a cura di Teleborsa
Previous articleErg amplia il parco eolico scozzese di Sandy Knowe con altri 36 MW
Next articleAutorizzati dal Mase 7,1 GW di rinnovabili nel 2022